INSIEME PER UN FUTURO MIGLIORE
"Il nostro senso di sicurezza nasce dalla certezza di non essere soli"
Promettiamo...
di allargare gli orizzonti della conoscenza e del sapere che generano la salute vera della persona e dello spirito, come bene e valore sociale di pubblica utilità.
Ci impegniamo...
ad esservi sempre a fianco con le nostre opere ed i nostri pensieri, affinchè si realizzi, anche nell'ambito della tutela della salute, il senso dell'etica dello stare insieme.
Per la famiglia...
per proporci come luogo di incontro e di aggregazione nel nome di interessi culturali comuni, assolvendo alla funzione sociale di crescita umana, civile e professionale.

          
News e Rassegna Stampa
martedì 30 gennaio 2018 11.14
Altre notizie 2016 Altre notizie 2015 Altre notizie 2014 Altre notizie 2013
AGENAS: TUTTI I PIANI SANITARI VIGENTI DELLE REGIONI ITALIANE
PATTO PER LA SALUTE
NUOVO PATTO PER LA SALUTE PER GLI ANNI 2014-2016
I nuovi farmaci  - ultime 4 settimane
Leggi -1 Leggi - 2
Leggi - 3 Leggi - 4
 
CANDIDATI IDONEI A DIRETTORE GENERALE  ASP SSR CALABRIA - 2017
Sanità, la giunta approva l’elenco degli aspiranti direttori generali (Nomi)
La giunta regionale ha proceduto alla ratifica dei candidati disponibili alla nomina di direttore generale delle aziende sanitarie e ospedaliere regionali   LEGGI

VERBALE EX TAVOLO MASSICCI CALABRIA
Calabria - verbale 23 luglio 2015
VERIFICA ADEMPIMENTI ANNO 2011
Calabria - verbale 23 luglio 2015 allegato 1 - verifica adempimenti anno 2011
PIANI DI RIENTRO 2014 REGIONI
CAMPANIA LAZIO
VERBALE TAVOLO DI VERIFICA  CALABRIA
Pubblicato il verbale del Tavolo di Verifica dei ministeri affiancanti sul Piano di Rientro della Regione Calabria, CLICCA .
VERBALE TAVOLO DI VERIFICA  23.11 E 07.12.2016
Notizie in evidenza
EX TAVOLO MASSICCI REGIONE CALABRIA
Regione Calabria Riunione del 28 ottobre e del 12 novembre 2014
LEGGI
D.C.A. PIANO DI RIENTRO 2015 REGIONE CALABRIA
regione.calabria.it
Regione Calabria verbale dell' 8 aprile 2015
Verbale del Tavolo di verifica  Calabria  e Allegato -  26 novembre 2015
CATANZARO:ATTIVITA' LIBERO PROFESSIONALE INTRAMURARIA
NDR. LUNGHE ATTESE  E FILE DIETRO LE PORTE ANCHE PER QUESTE PRESTAZIONI A TOTALE CARICO DEI PAZIENTI
RECAPITI TELEFONICI SINGOLI MEDICI
CALABRIA: 21.11.2017. TAVOLO PER LA VERIFICA DEGLI ADEMPIMENTI REGIONALI CON IL COMITATO PERMANENTE PER LA VERIFICA DEI LEA > LEGGI
 
Annuario Istat 2017. Gli italiani si sentono in maggioranza in buona salute (ma più gli uomini che le donne). Quasi il 40% è però affetto da una malattia cronica. Due morti su tre per colpa di malattie cardiovascolari e tumori

P
ubblicato oggi il volume dell’Istat che raccoglie tutte le principali statistiche del Paese. Si dice in buona salute il 70,1% della popolazione (73,9 gli uomini e 66,4 le donne). Si confermano poi le tendenze degli ultimi anni: meno ricoveri per acuti e più in lungodegenza, calano i medici di base, crescita costante delle cronicità, meno aborti, fumatori stabili. I due big killer restano cuore e cancro che da soli sono la causa del 66% delle morti. IL CAPITOLO SANITÀ E SALUTE....LEGGI


quotidianosanita.it 29 dicembre 2017
Il biotestamento è legge: il ruolo cruciale del medico

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 14/12/2017 19:3
0

Le novità del provvedimento salutato con un appaluso al Senato. Il compito dei notai e le regole. No di medici cattolici e Cei

Con un lungo applauso liberatorio l'Aula del Senato ha salutato l'approvazione del biotestamento (clicca qui per scaricare la legge completa) che chiude una battaglia politica e avvicina sempre più le Camere verso le urne. Ma la campagna di diritti non è ancora chiusa. Manca lo ius soli, fa notare subito Pierluigi Bersani. Mdp-LeU cerca infatti uno spiraglio per metterlo ai voti, anche se giusto ieri il sottosegretario Finocchiaro ribadiva che non ci sono i numeri per portarlo a casa...LEGGI


dottnet.it 19 dicembre 2017
Responsabilità medica. Per fatti avvenuti prima del 1° aprile 2017 si applica il decreto Balduzzi. La legge Gelli-Bianco non può essere retroattiva

18 DIC - La Cassazione ha deciso di applicare la Balduzzi nel caso di un medico a cui era stato chiesto il risarcimento del danno subito dal paziente per un errore commesso prima del 1° aprile scorso (entrata in vigore della legge Gelli-Bianco) e che secondo la Corte risponde a titolo di responsabilità contrattuale. Il danneggiato e i suoi eredi devono quindi provare solo il “rapporto di spedalità” e il danno, mentre il sanitario ha l’onere di dimostrare di avere agito in modo professionalmente diligente. LA SENTENZA...LEGGI


quotidianosanita.it 19 dicembre 2017
L'articolo che riportiamo, tramite collegamento on line, interessa la nostra salute di consumatori, essendo i veterinari fondamento dei controlli sugli alimenti di origine animale che portiamo sulle nostre tavole. Hanno chiuso la facoltà di veterinaria in una regione come la Calabria, a vocazione zootecnica. La notizia ci era già nota e ci ha da subito lasciato perplessi. Infatti molte spese per i servizi veterinari la Calabria deve farle in altre regioni, con danni al suo già disastrato bilancio.

Ciò ci ha ricordato che anche per i servizi sanitari questa regione si vede costretta a rimborsare  quelle regioni a cui si rivolgono i suoi cittadini per avere delle cure mediche avanzate; per poi rispondere agli stessi cittadini che per altre iniziative di sviluppo dell'assistenza sanitaria non ci sono soldi.

Una Università come la Magna Graecia, a nostro parere, non può risiedere in una regione che poi tradisce nelle sue fondamentali esigenze di sviluppo e di possibilità di lavoro ai giovani.

Concordiamo, per questo, pienamente con l'intervento di Giovanni Oliverio e ci aspettiamo che chi ha il compito di programmare la chiusura di una facoltà di veterinaria, prima di procedere, si guardi intorno per vedere il contesto dove abita e lavora.

La redazione di ETICA E SALUTE

SCUOLA E UNIVERSITA'

'Veterinaria chiusa? Incompetenza politica ai danni degli studenti'


'determinato un forte decremento dell’agrozootecnica in Calabria e la carenza di professionisti in grado di fornire servizi e assistenza alle aziende calabresi.

''Siamo la regione del gran bosco d’Italia, dei tre parchi nazionali e della podolica, eppure dal 2010, gli aspiranti veterinari calabresi si recano in sedi extraregionali, poiché il corso di laurea in Medicina Veterinaria presente presso l’Università degli studi Magna Græcia di Catanzaro risulta essere chiuso. Il corso di laurea specialistica in Medicina Veterinaria a Catanzaro (classe 47/S), voluto dal rettore Salvatore Venuta, è stato approvato dal Cun (Consiglio universitario nazionale) nell’a. a 2001/02, con il primo anno avviato nel a.a. 2003/04 con il decreto dell’allora ministro dell’istruzione Letizia Moratti. Si attiva in forza ad accordi, relativamente alle risorse di docenza, sottoscritti con gli atenei di Bologna, di Napoli Federico II, di Bari e di Messina. Pertanto, un interateneo che avrebbe dovuto assicurare ai futuri veterinari un percorso formativo di eccellenza. Una regione a vocazione agro-zootecnica avrebbe potuto trovare dei netti punti di forza in questo corso di laurea...LEGGI


Giovanni Oliverio
catanzaroinforma.it 13 dicembre 2017
Salvate il soldato 118 e la tenuta del Ssn

di Giovanna Esposito (Presidente Fimeuc) e Fabiola Fini (Segretario Fimeuc)

Il 118 è in piena emergenza nell’indifferenza dei Governi, centrali e regionali, che si sono succeduti negli ultimi anni. Uno snodo strategico della nostra sanità pubblica, fondamentale per salvare vite umane, è soffocato da diversi problemi. Ne citeremo, in questa sede solo tre. Il primo: nel nostro Paese l’organizzazione del sistema di emergenza-urgenza è a macchia di leopardo. Il secondo: la programmazione del fabbisogno è inadeguata e i meccanismi formativi dei professionisti sono insufficienti e contraddittori.
Il terzo: il personale medico è inquadrato in modo confuso e precario tra contratti, convenzioni e collaborazioni, anomale e a tempo determinato.
Una giungla nella quale si mette a rischio la qualità dei servizi per i cittadini, spesso garantita solo grazie allo sforzo dei medici e degli operatori in generale.
Ma andiamo più nel merito. Registriamo una grande variabilità di modelli organizzativi, sia nelle figure professionali che ne fanno parte (in termini di qualifica e numeri) sia nel diverso utilizzo dei mezzi a disposizione; un'interfaccia molteplice, se non confusa, con la continuità assistenziale quando si tratta di gestire la risposta sanitaria alle chiamate di soccorso; spesso, una contraddittoria integrazione tra il personale sanitario operante sul territorio e quello impiegato sul versante ospedaliero.
Seconda questione: la dimensione del problema dell'accesso, della formazione e della programmazione del personale. Il Ssn conta su 427 ospedali di P.S, 96 Dea di primo livello e 119 di secondo livello...LEGGI


sanita24.ilsole24ore.com 13 dicembre 2017
Ceccardi (Lega): “Giusto che i medici calabresi guadagnino meno. La Calabria non è un’eccellenza italiana, non facciamo i buonisti”

Così il sindaco di Cascina (PI) intervenendo questa mattina ad Agorà ha commentato alcuni dati sulla differenza di stipendio tra i medici a seconda della Regione in cui questi operano. "C'è la manasanità, lasciano il bisturi negli stomaci. Non è colpa solo del sistema ma anche dei singoli, è giusto pagare di più medici più specializzati".



12 DIC - "Ci saremmo stupiti tutti negativamente se gli stipendi dei medici calabresi fossero più alti di quelli dell'Emilia Romagna, meno male che non è così. In Emilia Romagna hanno delle strutture più specializzate, hanno delle specializzazioni maggiori e quindi è giusto che prendano di meno. Bisogna usare il metodo meritocratico, se altri medici fanno meglio il loro lavoro devono essere pagati di più. Questo è normale, dovrebbe essere così in tutte le sanità". Così Susanna Ceccardi, sindaco leghista di Cascina (PI), è intervenuta questa mattina ad Agorà commentando alcuni dati sulla differenza di stipendio tra medici a seconda della Regione in cui questi operano....LEGGI


quotidianosanita.it 13 dicembre 2017
Indennità guardia medica: dopo 10 anni le Asl ne chiedono il rimborso

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 10/12/2017 16:11

Coinvolte per ora Abruzzo, Basilicata, Campania e prossimamente anche Calabria. Solo per la Basilicata il danno all’erario sarebbe di 18 milioni di euro



Prima la Basilicata, poi Abruzzo e Campania e fra non molto anche in Calabria. La tegola delle indennità accessorie si è abbattuta sulle guardie mediche di queste regioni ed è probabile che il problema possa estendersi anche ad altre Asl in tutta Italia. In pratica i medici della continuità assistenziale devono restituire le indennità accessorie che hanno ricevuto negli ultimi dieci anni. Si tratta di circa 5 euro l'ora, frutto di un accordo integrativo decentrato firmato in Regione da sindacati e parte pubblica tuttora in vigore, contemplato a sua volta nell’Accordo Collettivo Nazionale. Ma la Procura contabile ha contestato ratio e quantum di quelle identità – pari a circa 60/70mila euro per ogni professionista - che, solo per la Basilicata, avrebbero prodotto un danno all’erario di 18 milioni di euro...LEGGI


dottnet.it 11 dicembre 2017
Fondazione Campanella, ultimo atto: dovrà restituire 8 milioni alla Regione

5 dicembre 2017

La Corte d'appello di Catanzaro ribalta la sentenza di primo grado e respinge la richiesta di pagamento di 174 milioni avanzata dal centro oncologico in liquidazione. Riconosciuto il divieto di corrispondere fondi per prestazioni non erogate.

CATANZARO La Regione Calabria vince la battaglia contro la Fondazione Campanella, l’ex centro per le cure oncologiche di Catanzaro ormai da anni in liquidazione. La Corte d’appello di Catanzaro (presidente Rita Majore) ha infatti ribaltato la sentenza del Tribunale di primo grado e ha condannato la Fondazione a restituire alla Regione Calabria 8 milioni di euro più gli interessi legali. Si chiude così la vicenda iniziata con la richiesta, formulata dai vertici della Campanella, di condanna della Regione al pagamento di 174 milioni di euro, «in base alle obbligazioni assunte dall’ente con l’atto di costituzione e in forza dello Statuto della Fondazione».
La Corte ha dichiarato prescritti i contributi di dotazione di 50 milioni di euro annui per le annualità 2005, 2006 e 2007. I giudici, in particolare, hanno stabilito che l’articolo 4 dello statuto sia da ritenere nullo nella misura in cui stabilisce il contributo fisso di 50 milioni all’anno, a prescindere da qualsiasi verifica di effettiva erogazione delle prestazioni. Questa disposizione violerebbe infatti il decreto legislativo 502 del ’92, che pone «il divieto di corrispondere somme gravanti sul Fondo sanitario regionale al di fuori delle prestazioni effettivamente erogate, nonché per violazioni degli obblighi inderogabili stabiliti dalle leggi finanziarie dello Stato e dal piano di stabilità». LEGGI


laltrocorriere.it 06 dicembre 2017
Calabria. Blitz di Nesci (M5S) al Punto nascita di Vibo Valentia: “Carenze gravissime”

Ispezione a sorpresa della capogruppo 5 Stelle in commissione Sanità accompagnata da un consulente tecnico, Gianluigi Scaffidi. Rilevate “criticità che comportano seri rischi per i parti”. Tra le altre cose, “non conclusi i lavori iniziati nel 2014 per mettere a norma la sala parto”, e “persistono problemi strutturali di gravità inaudita e non è rispettata la normativa sui turni e i riposi obbligatori”. Chieste le dimissioni di Oliverio, Scura e dei vertici della Salute regionale e dell’Asp.....LEGGI


quotidianosanita.it 05 dicembre 2017
Piemonte. Case della Salute, avanti con il piano. Già aperte 44 strutture

L’assessore Saitta ha illustrato l’avanzamento del piano alla IV commissione del Consiglio regionale. “Incomincia a prendere corpo il progetto di creare una rete di punti di riferimento fuori dagli ospedali per i malati cronici, i pazienti non gravi, i cittadini che hanno necessità di una prestazione sanitaria o assistenziale che non richiede l’accesso al pronto soccorso”, ha detto. Attese entro il 2018 altre 33 nuove strutture, “fra 13 potenziamenti e riconversioni e 20 nuove attivazioni”....LEGGI


quotidianosanita.it 05 dicembre 2017
Incarichi esterni nella PA, regole per divieto di co.co.co. e lavoro autonomo

Personale e previdenza


incarichi esterni nella pa legge-giustizia-normaLa circolare n. 3/2017 del Dipartimento della Funzione pubblica fa il punto, con l’intero paragrafo 4, su cosa cambia in materia di incarichi esterni dopo le modifiche introdotte al Testo unico del pubblico impiego dal Dlgs 75/2017.

Il divieto di cui all’articolo 20, comma 5, del d.lgs. n. 75 del 2017 è da intendersi in combinato disposto con la previsione del successivo comma 8, che consente la proroga dei corrispondenti rapporti di lavoro flessibile, anche oltre il termine di trentasei mesi...LEGGI


lacnews24.it 04 dicembre 2017
Telemedicina. Tra innovazione e paralisi decisionale

28 NOV - Gentile direttore,
telemedicina per l’acuto come per il cronico può dire equità, qualità ed efficacia. Oltre tutto potrebbe rappresentare una chance di risparmio e semplificazione nell’organizzazione, in particolare per alcune branche i cui specialisti non sono ubiquitari sul nostro territorio.

Siamo a dieci anni dalla Comunicazione della commissione Europea COM (2008) 689 recante titolo “Telemedicina a beneficio dei pazienti, dei sistemi sanitari e della società”, emanata dalla Commissione europea era il 4 novembre 2008.

Nel 2010 con Ministro della Salute Ferruccio Fazio si apriva il tavolo di lavoro sulla telemedicina, cui parteciparono Consiglio Superiore della Sanità Direttori e funzionari del ministero della Salute.

Nel 2014 venivano prodotto Le linee d’indirizzo nazionali (1) sulla telemedicina ove si offrivano inquadramento e classificazione delle prestazioni e codifica dei processi di attuazione delle stesse. Venivano quindi declinati i modelli organizzativi, con particolare riferimento agli aspetti formativi, integrativi con il SSN, a quelli remunerativi e agli indicatori di processo. Senza tralasciare gli aspetti etici, regolatori e i non meno cruciali aspetti di privacy...LEGGI


quotidianosanita.it 30 novembre 2017
Redditi dei professionisti: dentisti al top, bene i medici


Professione | Redazione DottNet | 26/11/2017 19:49

Gli studi medici sfondano gli 80mila euro di media. Buone performance per gli Mmg, resistono gli ospedalieri


Notai, dentisti e commercialisti sono quelli che dichiarano i redditi più alti. Ma anche i medici sono in buona posizione, mentre gli psicologi se la passano maluccio. I dati sugli studi di settore 2016 fotografano le professioni più remunerative precisando però, si legge sul Sole24ore, che i ricavi o i compensi non sono redditi. E le imposte si pagano sui redditi imponibili e non sui ricavi o sui compensi perché nel calcolo entrano in gioco costi e perdite e poi deduzioni dall’imponibile e detrazioni d’imposta. Quindi prima che i ricavi si trasformino in redditi ce ne vuole. Gli studi medici (83.255 euro di compensi medi dichiarati) e studi legali (80.209) sfondano il muro degli 80mila euro. Nel secondo caso la crescita è addirittura a due cifre (+10,5%) rispetto all’anno precedente....LEGGI


dottnet.it 27 novembre 2017
L'innovazione farmaceutica in Oncoematologia

Se ne è parlato nel corso che si tiene nelle case delle Culture promosso dal professore Molica. Ultimo appuntamento il prossimo 1 dicembre


SI è svolta nella giornata di venerdì, la seconda parte del X corso di formazione in ematologia e oncologia - curato dal dottore Stefano Molica, direttore del dipartimento di Oncoematologia dell’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro - svoltasi presso la Casa delle Culture, di cui uno dei temi centrali è stato: “Innovazione farmaceutica in Ematologia e Oncologia”. Diversi i relatori che si sono succeduti nel corso delle due sessioni che hanno approfondito argomenti inerenti, tra gli altri, la terapia dell’anziano con leucemia acuta mieloide; la terapia ferrochelante nei pazienti con sindrome mielodisplastica - nel pomeriggio- profili di responsabilità medica nelle scelte terapeutiche innovative; profili di responsabilità medica nelle scelte terapeutiche innovative...LEGGI


catanzaroinforma.it 26 novembre 2017
Calabria rischia fiscalità aggiuntive e nuovo blocco delle assunzioni. Oliverio: “Ecco i risultati della gestione commissariale”

Questo l’esito del tavolo di monitoraggio illustrato dal governatore. “É insopportabile, dopo 7 anni di commissariamento, ritornare ad un baratro finanziario, con il rischio di nuovi tagli ai servizi sanitari”, afferma Oliverio che annuncia: “Se entro il prossimo 30 novembre non arriveranno segni concreti nella direzione di una cesura netta di questo stato di cose, andrò a Palazzo Chigi per parlare al Paese di cosa sta succedendo alla mia Regione”....LEGGI


quotidianosanita.it 23 novembre 2017
Anteprima Sda Bocconi: spesa sanitaria privata a quota 39,5 miliardi. Ma non è vero che si spende di più dove il Ssn funziona peggio

L’86% della spesa sanitaria out of pocket delle famiglie italiane è per servizi ambulatoriali e beni (cure dentistiche, analisi ed esami, prestazioni professionali come quelle erogate dagli infermieri, dai fisioterapisti o dagli psicologi, ma anche farmaci e presidi vari, dai cerotti agli occhiali). Il restante 13,1% riguarda l’assistenza ospedaliera o a lungo termine. A spendere di più sono i cittadini di Valle d’Aosta (media pro capite 859 euro), Lombardia (752), Trentino A.A. (736), Veneto (674) ed Emilia Romagna (652). In coda Campania (303), Calabria (363), Sardegna (368) e Sicilia (404). I DATI IN ANTEPRIMA....LEGGI


quotidianosanita.it 21 novembre 2017
Più di mezzo milione di persone
non può comprare le medicine


Aumenta del 9,7% la richiesta di farmaci da parte degli enti che assistono gli indigenti. Crescono del 3,2% i minorenni assistiti. In difficoltà anche chi non è povero: un italiano su dieci non può pagare il ticket per visite mediche ed esami del sangue, uno su quattro rinuncia alle medicine per motivi economici


di Maria Giovanna Faiella

...LEGGI


corriere.it 20 novembre 2017

Sanità: le considerazioni di Michele Vumbaca

Nel pomeriggio di oggi è stata rilasciata una dichiarazione in merito alla sanità nella Locride, tornata a occupare prepotentemente le prime pagine dei giornali locali dopo la manifestazione dei nostri sindaci a Roma, da parte di una delle più influenti voci politiche del nostro territorio, Michele Vumbaca. Ecco quanto ha dichiarato:

«Sono molto preoccupato per la Locride, perché si parla solo perché siamo vicini alle elezioni?
La locride non non ha voce e determinazione partendo dalla Regione Calabria.

Nella mia qualità di V/Presidente dell’associazione Nazionale di “Etica e salute” ho sempre sostenuto non solo l’ospedale di Locri, ma, soprattutto il futuro della sanità la “CASA DELLA SALUTE” per il territorio della Locride.

4 anni fa dicevo che stiamo perdendo i fondi di circa 7 milioni per l’ospedale di Locri e circa 5 milioni per la casa della Salute a Siderno; i sindaci dov’erano?
Oggi dovrebbero andare , urgentemente, dai commissari della sanità in Calabria e dal presidente della giunta Regionale per non perdere la casa della salute ! Vi sono circa 5 milioni pronti per completare i lavori - I sindaci vanno tutti a verificare lo stato realmente delle cose? Se veramente vogliono bene ai loro cittadini!

Grazie dell’attenzione e mi auguro che i cittadini possono dire anche la loro !

Per il sud se gli uomini con Etica non si mettono in prima fila si fanno parate e parole. I giovani dove sono? Anche voi dovete dire la vostra. Così non si andrà a nessuna parte.»  LEGGI

Michele Vumbaca
Vice Presidente di Etica e Salute

larivieraonline.com 17 novembre 2017
Nuovi ospedali: nove anni di chiacchiere e nessun cantiere


Il primo annuncio risale all’emergenza sanitaria del 2008. Ora la Regione fa il punto: promette a breve l’avvio dei lavori nella Sibaritide ma teme che la crisi di Tecnis metta a rischio i progetti. Tempi più lunghi per Vibo, indeterminati per Gioia Tauro...LEGGI

corrieredellacalabria.it 15 novembre 2017
Malati in viaggio, record in Calabria, Molise e Basilicata

In crescita costante il numero dei pazienti che si spostano per essere curati: dai 502mila del 2015 ai 507mila dell'anno scorso. I maggiori spostamenti dal Sud verso il Nord. In alcuni casi si supera il 25%


di MICHELE BOCCI...LEGGI

repubblica.it 14 novembre 2017






La sezione Scuola di Etica e Salute insieme all'ente di formazione Athena ha organizzato per il 10 Novembre un seminario di formazione per i dirigenti della scuola.
10/11/2017
Sarà presente il Segretario Nazionale Confederale della Dirigenza Scuola CODIRP, Prof. Attilio Fratta

LEGGI LA LOCANDINA CON IL PROGRAMMA

GUARDA IL SERVIZIO FOTOGRAFICO


Etica e Salute 10 novembre 2017


LEGGI IL LAVORO COMPLETO

Salvatore Lopresti

Socio fondatore di Etica e Salute
Salvatore Lopresti - aisdet.it 08 novembre 2017
Mobilità sanitaria 2016. In totale un giro d’affari da quasi 4 mld. E 13 regioni ci “rimettono”. Campania, Calabria e Lazio in testa

Anche se rispetto al 2015 per la prima volta dopo anni l’ammontare totale è in calo del 3,5%. La Campania ha un saldo in rosso da 281 mln di euro. La Lombardia invece ha un saldo attivo di 538 milioni. In generale quasi tutte le regioni del centro sud e in Piano di rientro hanno sofferenze...LEGGI

quotidianosanita.it 08 novembre 2017
RIAPERTURA OSPEDALE PRAIA A MARE

Redazione Etica e Salute 08 novembre 2017
Primo soccorso. Le manovre salvavita arrivano nelle scuole. Balzanelli (SiS 118): “I giovani impareranno a salvare vite umane”

Il “Primo Soccorso a scuola” diventa realtà, grazie alla legge de “La buona Scuola”. L’articolo 1 del testo, al comma 10, prevede, infatti, che nelle scuole secondarie di primo e secondo grado vengano realizzati iniziative di formazione rivolte agli studenti per promuovere la conoscenza delle tecniche di primo soccorso. L’iniziativa sarà inaugurata martedì 7 novembre, alle ore 14, al ministero dell’Istruzione e dell’Università....LEGGI

quotidianosanita.it 06 novembre 2017
Calabria. Contro il commissariamento Oliverio minaccia di incatenarsi a Palazzo Chigi

Il governatore è intervenuto all’Assemblea provinciale del Pd di Cosenza e ha puntato di nuovo il dito contro il commissario di governo. “Non esiste alcun ‘caso Scura’”, ha voluto chiarire. “Il mio è solo un atto di responsabilità nei confronti della mia regione”, perché “il Commissario presenta un bilancio totalmente negativo che vede la Calabria sempre più distante dal resto del Paese per quanto riguarda l’offerta dei servizi sanitari”. Poi avverte: “Se entro il 30 novembre non arriveranno da Roma risposte concrete mi incatenerò davanti a Palazzo Chigi”...LEGGI


quotidianosanita.it 06 novembre 2017

Quei soldi delle industrie ai direttori delle riviste scientifiche

Si parla tanto di trasparenza e ormai qualunque articolo o comunicazione ai congressi scientifici inizia con una pagina di disclosure dell’autore rispetto ai suoi rapporti con le industrie. Ma nel processo di pubblicazione degli articoli scientifici determinante è anche l’atteggiamento degli editor delle riviste. Uno studio pubblicato su British Medical Journal è andato ad indagare questo aspetto....LEGGI

quotidianosanita.it 30 ottobre 2017
Legge Gelli, si volta pagina sui periti: ecco la risoluzione del Csm con i criteri di selezione

di Lucilla Vazza

Risk, periti: la risoluzione Csm


Malpractice e rischio clinico, mai più consulenti e periti estranei alla materia. Con l’attesissima risoluzione approvata ieri dal Consiglio Superiore della Magistratura finalmente si interviene a regolare i criteri per la selezione di periti e consulenti da parte dell'autorità giudiziaria nei procedimenti che riguardano la responsabilità sanitaria.
La risoluzione, proposta dalla VII Commissione presieduta da Claudio Galoppi, dà il via all'attuazione delle novità legislative introdotte dalla legge 24/2017 sul rischio clinico, normativa nota come Legge Gelli. Tra le novità la revisione degli albi dei periti, compresi alcuni criteri validi per le future nuove iscrizioni: per esempio, l’indicazione dell'esperienza professionale maturata e degli incarichi conferiti e revocati. In secondo luogo tale decisione diventa un utile precedente per procedere, anche negli altri settori in cui si articolano gli albi dei periti tenuti presso ogni tribunale, nella direzione di una maggiore trasparenza ed efficienza delle nomine dei periti, consentendo al magistrato di accedere con facilità ad elenchi e a curricula aggiornati...LEGGI

sanita24.ilsole24ore.com 27 ottobre 2017
Calabria maglia nera per gli incidenti stradali

Secondo l'Istat nel 2016 si è registrato un più 4,3%. Le vittime sono aumentate del 24,5%. Valore di molto superiore alla media nazionale. I tratti più pericolosi sulla ss106 e sulla ss18.
ROMA Nel 2016, rileva l'Istat, si sono verificati in Calabria 2.851 incidenti stradali, che hanno causato la morte di 117 persone e il ferimento di altre 4.868. Rispetto al 2015, aumentano sia gli incidenti (+4,3%) che i feriti (+3,6%), con incrementi percentuali molto superiori a quelli rilevati nell'intero Paese (rispettivamente +0,7% e +0,9%). Il numero di vittime della strada ha un trend opposto a quello nazionale: in Calabria si registra un aumento del 24,5% mentre in Italia si registra un calo del 4,2%.
...LEGGI

corrieredellacalabria.it 27 ottobre 2017
Ammissioni ed esclusioni per l'incarico di dirigente generale del dipartimento della salute e politiche sanitarie della Giunta della Regione Calabria, LEGGI
Regione Calabria 26 ottobre 2017
Certificato sportivo negato: mancano le vaccinazioni

Redazione DottNet | 24/10/2017 19:47

La decisione sulla base di una legge nazionale (la 292 del 1963)
Non si era sottoposto ad alcuna vaccinazione e per questo motivo un giovane giocatore di pallanuoto è stato escluso dall'attività agonistica, che svolgeva in una società di Cividale del Friuli (Udine). LEGGI

dottnet.it 25 ottobre 2017
Elenco nazionale idonei all’incarico di direttore generale Enti del SSN, in G.U. l'avviso di riapertura termini

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale IV Serie speciale - Concorsi ed Esami n. 80 del 20 ottobre 2017 l’Avviso di riapertura dei termini per la presentazione delle domande per la selezione volta alla formazione dell’elenco nazionale di idonei alla nomina di direttore generale delle aziende e degli enti del SSN istituito dal decreto legislativo 4 agosto 2016, n. 171 e s.m.

Gli interessati potranno presentare domanda di ammissione a partire dalle ore 10,00 del giorno 21 ottobre 2017 e fino alle ore 18,00 del 30 ottobre 2017, utilizzando la piattaforma informatica  www.alboidonei.sanita.it raggiungibile anche attraverso il sito web del Ministero della Salute.

Anche i candidati che hanno già presentato la domanda entro il termine del 18 ottobre c.a. inizialmente previsto, potranno integrarla o modificarla con le modalità indicate sulla piattaforma sopra indicata.

Per approfondire consulta la pagina  Elenco nazionale idonei all’incarico di direttore generale Enti del SSN.....LEGGI

salute.gov.it 23 ottobre 2017
Donne e uomini in Europa: tutte le differenze su salute, lavoro, casa, istruzione. Ma anche su shopping e social media. Il report Eurostat

Gli uomini “si sentono” meglio delle donne, ma le donne vivono più a lungo degli uomini. Un terzo dei manager nell'Ue sono donne, ma in campo lavorativo, gli uomini occupano generalmente posizioni più elevate delle donne. E le donne guadagnano in media il 16 % in meno degli uomini. La nuova pubblicazione digitale scaturita da una collaborazione (per l’Italia) Istat-Eurostat “La vita delle donne e degli uomini in Europa - un ritratto statistico”  confronta le donne e gli uomini nella loro vita quotidiana.

LA PUBBLICAZIONE INTERATTIVA.

...LEGGI

quotidianosanita.it 20 ottobre 2017
lombardia

Pavia, i manager sanitari a lezione per non essere bocciati dal ministro

I corsi fino alle 23 per i direttori degli ospedali lombardi. Mercoledì 18 ottobre

di Simona Ravizza


Il buon funzionamento degli ospedali in cui ci curiamo dipende dalle loro capacità. E quando, a pochi giorni dal Natale 2015, il governatore Roberto Maroni nomina i quaranta manager ospedalieri della Lombardia che gestiscono budget superiori ai 200 milioni di euro, l’assicurazione è: «Sono i migliori». Lo stesso è ripetuto al momento della scelta del loro staff: altri quaranta direttori sanitari e altrettanti amministrativi. Nessun dubbio. In questi giorni, però, la loro agitazione è palpabile. Il timore che toglie il sonno è quello di essere stati promossi da Maroni, ma di venire bocciati dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin per carenza di titoli. Uno smacco che nessuno può permettersi, anche perché vorrebbe dire finire out. Così adesso i direttori della Sanità lombarda stanno andando a frotte a ripetizione all’Università di Pavia. Fino alle 11 di sera. Per guadagnare i punti necessari che servono a superare la selezione ministeriale.

...LEGGI

milano.corriere.it 18 ottobre 2017
Bando nomina Direttori Asl. Alla ricerca dei manager migliori...

Tutto il mondo sanitario ha visto con favore il tentativo, per la prima volta, di corredarsi di una classe dirigente nel mondo sanitario con caratteristiche tecnico professionali omogenee sul territorio nazionale. Ci permettiamo, tuttavia, di sollevare alcune perplessità sul bando pubblicato. E poniamo questi interrogativi ad un ministro che ha dato prova di sensibilità, attenzione e capacità verso il mondo sanitario, sicuramente intenzionata a creare i presupposti per una reale qualificata governance della sanità...LEGGI

quotidianosanita.it 18 ottobre 2017
Griglia Lea 2015: la migliore è la Toscana, inadempiente tutto il Sud (tranne la Basilicata). Le criticità maggiori nella copertura vaccinale, screening e assistenza sul territorio

Nel 2015 adempienti in base ai 35 indicatori della “griglia Lea” - la maggior parte (11) delle regioni monitorate (16) ad esclusione di Molise, Puglia, Sicilia, Campania e Calabria che dovranno superare le criticità su vaccinazioni, screening, assistenza agli anziani e ai disabili, appropriatezza nell’assistenza ospedaliera. Per queste regioni, il monitoraggio delle criticità è effettuato nell’ambito degli obiettivi previsti dal piano di rientro. IL RAPPORTO 2015 SULLA GRIGLIA LEA  ...LEGGI


“Tra le tante criticità della Regione Calabria nel 2015 è emerso che i problemi sugli screening non erano dovuti ad un problema di software fornito in riuso dalla Regione Piemonte ma la causa, evidentemente, è stata la scadente organizzazione delle Segreterie degli screening delle varie ASP della Regione”.

quotidianosanita.it -Redazione Etica e Salute 13 ottobre 2017
[Comunicato stampa Giunta regionale Liguria]
FOTO DEL CESTO CON IL PESTO INVIATO DAL GOVERNATORE TOTI AL "GUARDIAN".
giovedì 5 ottobre 2017

Di seguito il testo della lettera inviata ai giornalisti del “Guardian”

Cari giornalisti,

sono convinto che nessuno di voi abbia mai assaggiato il vero pesto genovese: se lo aveste fatto sareste stati di certo conquistati dal suo sapore unico, genuino e inimitabile, che lo rende una delle salse più famose e apprezzate del mondo.

Ecco allora questo presente per porre rimedio a tale mancanza: sono sicuro che, dopo averlo provato, ci ringrazierete e ritratterete ogni parola del vostro articolo in cui viene denigrato uno dei protagonisti della dieta mediterranea, che ogni parte del pianeta ci invidia e tenta di imitare.

Non solo il pesto è buono, ma fa anche bene alla salute essendo una combinazione perfetta di sapori freschi della nostra terra: olio extravergine d’oliva, basilico genovese Dop coltivato sul mare, a Genova Pra’, Parmigiano Reggiano Dop, pinoli italiani, pecorino sardo Dop, sale (quanto basta) e aglio italiano....LEGGI

regioni.it 11 ottobre 2017
Il Governo ha posto la fiducia sulla legge elettorale


Questa mattina il governo ha deciso di porre la questione di fiducia sulla legge elettorale, il cosiddetto “Rosatellum bis” che avrebbe dovuto essere votato oggi.

Una volta posta la questione di fiducia bisogna attendere 24 ore prima di votare. La votazione quindi avverrà con ogni probabilità domani. Il governo ha messo la fiducia sui tre articoli della legge, di conseguenza ci saranno tre votazioni, più una quarta definitiva.

Se non passa, il governo cade. La legge è sostenuta dal Partito Democratico e dai suoi alleati più Forza Italia e Lega Nord. In teoria alla Camera i numeri dei sostenitori della legge sono più che sufficienti per farla approvare senza difficoltà.

Movimento 5 Stelle e MDP hanno duramente protestato contro l’uso della fiducia per approvare la legge elettorale. Il Movimento 5 Stelle ha detto che la decisione del governo è un “golpe”. Il coordinatore di MDP, Roberto Speranza, l’ha definita un gesto “oltre i limiti della democrazia”...LEGGI

mobinews.it 10 ottobre 2017
Puglia, telemedicina per l’assistenza domiciliare integrata

di Vincenzo Rutigliano


Si chiama “ADIGest- Assistenza domiciliare integrata”, il software che consente di seguire, in tempo reale, centinaia di pazienti della Asl di Brindisi predeterminando i percorsi di cura, i giorni e gli orari di intervento degli operatori sanitari a domicilio, il risultato delle attività svolte presso i pazienti e così via. Il Sistema ADIGest è stato presentato al forum dell'Innovazione per la Salute, tenutosi a Roma, ed è stato messo a punto dalla Tchs-Telemedicine for Health Care Solutions (società del consorzio Terin specializzata nello sviluppo di soluzioni ICT in sanità) che partecipa al raggruppamento temporaneo di imprese che, attualmente, eroga, per 6 anni e con investimenti pari a 6 milioni di euro l'anno, il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata presso l'Asl....LEGGI

sanita24.ilsole24ore.com 09 ottobre 2017
Questa settimana su EpiCentro

Focolaio di Chikungunya in Calabria

Dopo i casi autoctoni di Chikungunya riportati nel Lazio, un nuovo focolaio è stato identificato in Calabria. Tutto è partito da 4 casi segnalati tra il 19 e il 25 settembre 2017 (1 nel Lazio e 3 in Emilia-Romagna) relativi a persone residenti in queste Regioni, che avevano sviluppato sintomi indicativi dell’infezione lo scorso agosto mentre si trovavano a Guardavalle Marina (CZ). Questi casi sono risultati positivi alle indagini di laboratorio effettuate. Leggi l’approfondimento 

epicentro.iss.it 09 ottobre 2017
La Calabria vuole Misaggi

Dom, 08/10/2017 - 11:20


COMUNICATO STAMPA - Giorno 11 ottobre riprende il sondaggio del “Corriere della Calabria” occasione unica e innovativa per i cittadini di proporre liberamente un possibile Candidato alla presidenza della Regione e di indicare le priorità da affrontare.

I titoli della carta stampata e dei giornali online di queste ultime settimane hanno riportato più volte il nome di Bernardo Misaggi. Le quotazioni del medico calabrese a possibile candidato alla presidenza della Regione sono in crescita.

Ricordiamo che Misaggi non ha un apparato politico alle spalle come gli altri due candidati del Centro Destra che lo precedono nel sondaggio promosso dal “Corriere della Calabria”, ma la sorpresa, parlando tra la gente, è il gradimento che questo nome riscuote tra molti calabresi...LEGGI

Bernardo Misaggi
socio fondatore di
ETICA E SALUTE

larivieraonline.com 08 ottobre 2017
Consiglio di Stato: solo Aifa competente su rimborsabilità

Il regime di utilizzabilità e rimborsabilità di un farmaco è definito a livello nazionale dall’Aifa e le Regioni non possono impartire disposizioni contrastanti o incompatibili con le decisioni dell’Agenzia. Soprattutto quando suggeriscono «un’equivalenza tra principi attivi» che soltanto l’Agenzia stessa può accertare. E’ quanto scrive il Consiglio di Stato nella sentenza – pubblicata il 29 settembre – che accoglie il ricorso della Roche contro il decreto 119/2015 del direttore generale dell’Area sanità e sociale della Regione Veneto sulla prescrizione in ambito ospedaliero di Avastin e Perjeta. Il provvedimento, in sintesi, impartisce ai prescrittori alcune «raccomandazioni» sull’uso dei due farmaci per il trattamento di diverse tipologie di carcinoma, dirette a sconsigliarne o limitarne la prescrizione da parte dei medici...LEGGI

federfarma.it 05 ottobre 2017
Malattie che vietano la patente di guida, modificato l’elenco


Dal 6 ottobre una norma modifica l’elenco delle malattie che vietano la patente di guida. Stop al divieto per chi è affetto da patologie ematiche


A partire dal 6 ottobre 2017 verrà modificato l’elenco delle malattie che vietano la patente di guida.

Nello specifico, per chi soffre di alcune patologie, come quelle ematiche ma non solo, sarà possibile sostenere l’esame per la patente di guida o ottenerne il rinnovo.

Con il Decreto del Presidente della Repubblica numero 139 del 10 luglio scorso, in vigore, appunto, dal 6 ottobre, è stato modificato l’elenco delle malattie che vietano la patente di guida.

In particolare, il provvedimento è stato adottato per un motivo ben preciso...LEGGI

responsabilecivile.it 02 ottobre 2017
Regione, l’intesa Minniti-Berlusconi per lanciare il medico Misaggi
Da Iacchite - 29 settembre 2017

E’ normale, per chi fa politica, in tempi di “incertezza giudiziaria” pensare già alle possibili alternative ad Oliverio. Non sia mai dovesse intervenire la magistratura, per l’ente Regione e chi la dirige non ci sarebbe scampo. Così come per tanti comuni calabresi, su tutti Cosenza
.

Se ciò dovesse verificarsi meglio essere pronti. Nell’incertezza è sempre utile avere almeno una certezza. Che in questo caso si traduce nel candidato a presidente della Regione Calabria. E qualcosa, prima sottobanco, ora alla luce del sole, si muove. La mossa più indicativa che ci fa capire anche altro, arriva da destra. Pareva essere chiusa la questione per Forza Italia in merito al proprio candidato alla Regione, a furor di popolo: Mario Occhiuto. Anche se lo stesso ripete di non volersi candidare, ma lo sappiamo tutti quanto vale la sua parola: zero. Stessa cosa disse durante il suo primo mandato. Ma il clima di “incertezza giudiziaria” ha rimescolato le carte. E quella che pareva essere una certezza si è trasformata, negli ultimi giorni, nella più incerta delle incertezze che pesa sulla testa di Occhiuto, quanto su quella di Palla Palla...LEGGI

iacchite.com 30 settembre 2017


Panorama - Bernardo Misaggi Socio Fondatore di ETICA E SALUTE 28 settembre 2017
La Telemedicina è molto più veloce della Burocrazia

L’intervista al Dott. Ottavio Di Cillo, Direttore Centro di Telemedicina della Regione Puglia.


“La telecardiologia ha dimezzato i tempi di gestione delle emergenze ma non quelli della burocrazia. In Puglia sono tanti i progetti del Centro di Telemedicina Regionale pronti a partire, ma la burocrazia si fa attendere.”

La centrale di telecardiologia della Regione Puglia che gestisce la rete dell’infarto è un esempio di eccellenza nel panorama mondiale: nell’infarto il muscolo è tempo e in Puglia il range temporale tra prima diagnosi e angioplastica (26/30 minuti) è inferiore non solo alla media europea ma addirittura a quella statunitense. Ciò grazie a una soluzione di tele-diagnosi e a una control room di telecardiologia remotizzata in grado di interfacciarsi h24 con gli operatori e le ambulanze che intervengono al domicilio del paziente. Come tutte le innovazioni, inizialmente il progetto ha avuto qualche resistenza interna ma oggi, anche grazie alla formazione di oltre 7.000 operatori, la soluzione lavora a pieno regime e, solo nel primo anno, ha gestito 130.000 prestazioni (salite a 160.000 nel secondo), dimezzando di fatto i tempi di intervento....LEGGI
lentepubblica.it 28 settembre 2017
Saitta: detenuti abbiano un proprio medico di famiglia

(Regioni.it 3235 - 22/09/2017) L’assessore alla sanità della regione Piemonte, Antonio Saitta, è intervenuto sulla questione della sanità nelle carceri, dopo un incontro con il nuovo provveditore dell'Amministrazione penitenziaria di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta.
Saitta, che è anche coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, ha posto in particolare l’attenzione sulla qualità dell'assistenza sanitaria.
Tra le criticità emerse è stata sottolineata l'esigenza di rivedere le norme nazionali che regolano l'attività dei medici coinvolti: "La cosa più importante – afferma Saitta – è prevedere che i detenuti abbiano un proprio medico di famiglia in carcere. Porrò questo problema come coordinatore della Commissione Salute della Conferenza della Regioni e chiedo che anche il Governo si occupi di questo tema”...LEGGI

regioni.it 25 settembre 2017
Bassa istruzione, stress e povertà danneggiano la salute del cuore

All’Istituto Superiore di Sanità la V Conferenza di Prevenzione Cardiovascolare.
Sarà presentata la nuova piattaforma «CuoreData» dedicata agli operatori: online i dati personalizzati sui fattori di rischio


Basso livello di istruzione e disagio sociale peggiorano la salute del cuore. Una nuova conferma arriva dal report dell’Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare dell’Istituto Superiore di Sanità e Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri-Heart Care Foundation Onlus, presentato alla V Conferenza di Prevenzione cardiovascolare. Il documento rileva che anche in Italia le differenze socio-economiche si ripercuotono sulla salute: le persone con livello di scolarità più basso, sedentarie e con abitudine al fumo sono più a rischio di ipertensione, dislipidemia (livello anomalo di grassi nel sangue), obesità, diabete. Una tendenza iniziata 10 anni fa e che oggi si conferma in aumento. «Questi dati confermano la necessità di costruire un’azione tempestiva in termini di prevenzione primaria, a partire dall’educazione a corretti stili di vita sin dalla scuola primaria - dice Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) -. Se questa tendenza si stabilizza o si conferma è infatti a rischio la sostenibilità del Servizio sanitario nazionale»...LEGGI

corriere.it 22 settembre 2017
II casi in cui risulta impossibile utilizzare il sistema di trasmissione telematica

Cosa fare se il  sistema telematico di trasmissione dei certificati di malattia risulti inutilizzabile. La risposta arriva dall'Inps con il messaggio n. 3459 del 06/09/2017, in cui l'Istituto precisa che quelli rilasciati in forma cartacea devono essere acquisiti immediatamente dall’istituto previdenziale al fine di poter disporre l’anticipazione delle prestazioni.
Come è oramai noto da anni, la certificazione medica di malattia attestante la temporanea incapacità lavorativa deve essere redatta dai medici mediante il canale telematico. Può però accadere in casi eccezionali che risulti impossibile utilizzare il sistema di trasmissione telematica. In questo caso il medico deve rilasciare al lavoratore la certificazione e l’attestazione di malattia in forma cartacea. Spetterà poi al dipendente presentare l’attestazione al datore di lavoro ed il certificato di malattia all’INPS...LEGGI

Edott.it 19 settembre 2017
Il deserto dei medici raccontato dalla Fnomceo. Sono 75 mila in uscita. Allerta rossa Mmg e pediatri

Le proiezioni sui Mmg

I pediatri merce rarissima, destinati a diventare “desaparecidos” entro dieci anni. I medici di medicina generale incamminati più o meno verso la stessa sorte, se da qui al 2026 non si provvederà almeno a raddoppiare le attuali 900 borse e se da subito non se ne otterrranno almeno 1.500. «Per creare immediatamente un serbatoio di medici di ricambio», avvisa Roberto Stella, coordinatore dell’Area Formazione Fnomceo, la Federazione degli Ordini dei medici e degli odontoiatri, che in questi giorni a Bari riaccende con forza i riflettori sul rischio di desertificazione che incombe su tutta la categoria, dai dipendenti ai convenzionati.
Tanto che proprio l’Omceo di Bari, in concomitanza con la riunione del Comitato centrale della Fnom, ha presentato la campagna di comunicazione sulla carenza di medici. Nel complesso, 75mila in uscita nei prossimi dieci anni....LEGGI

sanita24.ilsole24ore.com 18 settembre 2017
RICHIESTA DI SOCCORSO E SOTTOVALUTAZIONE DEL RISCHIO: LA RESPONSABILITÀ PER COLPA DELL’OPERATORE DEL 118

Nota a Cassazione penale sez. IV n. 40036 del 27/09/2016

di Pierfrancesco De Marco


La Corte di Cassazione, con una recentissima sentenza, torna ad affrontare l’ampia e complessa materia della responsabilità sanitaria, soffermandosi stavolta sugli obblighi e sui compiti a cui sono tenuti gli operatori del 118.

LA VICENDA
Un uomo veniva colpito da crisi epilettica. La madre chiamava il 118 chiedendo l’intervento di un’ambulanza. L’operatore però, senza assumere specifiche informazioni ma limitandosi ad ascoltare quanto riferiva la donna al telefono, consigliava di aspettare sostenendo che la crisi epilettica si sarebbe sicuramente risolta da sola nel giro di pochi minuti, altrimenti di richiamare o di accompagnarlo con la macchina privata. Trascorso altro tempo senza che la crisi accennasse a passare, la donna contattava nuovamente il 118: finalmente l’operatore decideva di inviare sul posto un’ambulanza, priva però di medico rianimatore. L’uomo per il prolungarsi della crisi epilettica aveva un collasso cardiocircolatorio e decedeva.

Instaurato il procedimento penale nei confronti dell’operatore del 118, la Corte di Appello lo condannava riconoscendo la sussistenza del nesso causale tra il comportamento negligente da questi tenuto e la morte del paziente per la prolungata crisi epilettica....LEGGI

salvisjuribus.it 18 settembre 2017
Sanità, i debiti con i fornitori sfiorano 23 miliardi

La ricognizione della Cgia di Mestre: "La situazione è in miglioramento, ma non ancora entro i limiti fisiologici"


MILANO - Ce ne sarebbe abbastanza per mettere insieme una manovra finanziaria: i debiti del sistema sanitario italiano nei confronti dei fornitori sfiorano i 23 miliardi di euro. Un ammontare in lento rientro, ma non ancora a livelli che si potrebbero definire "fisiologici" per un comparto così grande nel Paese.

La ricognizione arriva dalla Cgia di Mestre, che indica in 22,9 miliardi le risorse che devono ancora passare dal conto corrente pubblico alle casse delle aziende che lavorano a contatto con ospedali e via dicendo. Analizzando la "Relazione sulla gestione delle Regioni" della Corte dei Conti, relativa al 2015, gli artigani notano che "sebbene negli ultimi anni lo stock sia in calo, l'ammontare del debito commerciale del nostro SSN non è ancora stato ricondotto entro limiti fisiologici. Soprattutto nel Mezzogiorno, le Asl sono in affanno con i pagamenti, mettendo così in seria difficoltà moltissime Pmi...LEGGI

repubblica.it 17 settembre 2017
Omissione d'atti d'ufficio per la guardia medica che rifiuta la visita

La Corte di cassazione con la sentenza n. 39428, depositata il 24 agosto 2017 (clicca qui per il documento integrale), nel respingere il ricorso di un medico ha confermato la sentenza dei giudici del merito ribadendo che e' suscettibile di una condanna per rifiuto d'atti d'ufficio la guardia medica che, in presenza di una sintomatologia grave riferita al telefono, consigli un farmaco invece di recarsi presso il domicilio del paziente. Oggi sul Quotidiano degli enti locali e della Pa.

La guardia medica chiamata da un paziente affetto da una grave sintomatologia che gli domanda un'urgente visita domiciliare non può limitarsi a consigliargli a voce un farmaco ma deve recarsi presso il malato.Le conseguenze per il sanitario, in caso contrario, possono essere anche molto gravi e ciò è chiaro se si legge la sentenza numero 39428/2017depositata dalla sezione feriale della Corte di cassazione il 24 agosto (qui sotto allegata), che ha confermato la condanna di un medico, per tale motivo, per il reato di rifiuto di atti di ufficio....LEGGI

Dott-Net - Medlex 14  settembre 2017
Calabria. Scura convoca manager e sindacati. L’Anaao: “Convocazione tardiva e strumentale, si dimetta”

L’Anaao Assomed diserterà l’incontro in programma per oggi. E in una durissima lettera spiega le ragioni del rifiuto, contestando l’operato del commissario a partire dal “Suo ‘recesso unilaterale’, due anni fa, da ogni forma di relazione, o meglio di interlocuzione con le Ooss”. Anni nel corso dei quali, secondo l'Anaao, la struttura commissariale si è rivelata “inadeguata”, oltre che “irriguardosa nelle relazioni sindacali”.

La lettera....LEGGI


quotidianosanita.it 12  settembre 2017
Calabria. Oliverio: “Commissariamento fu scelta nefasta. Mi batto per superarlo”

Il governatore contesta la scelta del governo nazionale in quanto “il commissario piuttosto che pensare alla riorganizzazione dei servizi ha fatto tagli lineari ed ha depotenziato i servizi stessi. Mi sto battendo per il superamento di questa situazione”, ha detto.



11 SET - Una disamina sui temi più rilevati della vita della Regione, sulle azioni programmate e messe in campo per lo sviluppo e la crescita, sulle prospettive che si aprono per il futuro. È quanto emerso ieri sera a Diamante, durante una intervista, che il Presidente della Regione Mario Oliverio ha rilasciato nell’ambito degli spazi di discussione previsti all’interno del Festival del Peperoncino che è in corso di svolgimento nella cittadina tirrenica....LEGGI

quotidianosanita.it 11  settembre 2017
Obbligo di bancomat: ecco i costi per il Pos

La norma andrà in vigore il prossimo 30 settembre. Si attende il decreto

Dal 30 settembre scattano le sanzioni per professionisti, negozianti e artigiani che si rifiutano di accettare pagamenti con bancomat e carte di credito. Dottnet ne ha dato notizia lo scorso agosto, precisando che ogni violazione sarà punita con una multa di 30 euro. "Entro settembre prevediamo di firmare il decreto che introduce le prime sanzioni per chi rifiuta un pagamento elettronico" ha fatto sapere il viceministro dell'Economia, Luigi Casero. Già   la Legge di stabilità 2016 prevedeva che esercenti e professionisti dovessero dotarsi di Pos per la lettura delle carte elettroniche e accettassero pagamenti non in contanti a partire dai 5 euro. La bozza attuativa allo studio del decreto attuativo del ministero dell'Economia e di quello dello Sviluppo Economico dovrà dare sostanza a tale obbligo.

A due anni dalla disposizione, l'osservatorio di 'SosTariffe.it' evidenzia come i costi sostenuti dai negozianti siano aumentati notevolmente, in particolare le commissioni, oltre il 19% dal 2015. I costi totali possono arrivare a 6.300 euro annui (oltre il 40% in più rispetto al 2015). LEGGI

dottnet.it 08  settembre 2017
Politrauma, Fondazione Gimbe: «Senza reti, linee guida e responsabilità si muore»
di Red. San.


La Fondazione Gimbe rende disponibile la sintesi italiana delle linee guida del Nice per la valutazione immediata del paziente traumatizzato e il trattamento dell'emorragia attiva . Un’iniziativa finalizzata a sensibilizzare decisori, professionisti e cittadini ricordando che secondo la task force del ministero della Salute all'ospedale Loreto mare vige «un clima di mancata responsabilizzazione organizzativa e professionale, la rete per il trauma è inesistente e mancano percorsi standardizzati basati su linee guida».LEGGI

sanita24.ilsole24ore.com 07  settembre 2017
Visite fiscali, così cambiano i controlli. Ci sarà un algoritmo


Sanità pubblica | Redazione DottNet | 30/08/2017 09:50


Accertamenti condotti dall'Inps, visite immediate per gli Statali. Fimmg: questione legate alle risorse


Visite fiscali sistematiche e a ripetizione, anche se l'assenza capita di lunedì, venerdì o a ridosso delle feste. Così cambieranno i controlli sulla malattia. Accertamenti che saranno condotti dall'Inps sia per i lavoratori privati che pubblici, finora invece 'vigilati' dalle Asl. Una novità, quella del Polo unico, che scatta dal primo settembre e che cambierà il sistema dei controlli, confermando però alcuni capisaldi, come le visite immediate per gli statali che mancano dal servizio il giorno prima o dopo la festività....LEGGI

dottnet.it 30 agosto 2017
FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO : pubblicate in Gazzetta Ufficiale le specifiche tecniche per quello Nazionale


Pubblicato Giovedì, 24 Agosto 2017 17:14 .


Sulla Gazzetta Uffciale Serie Generale n.195 del 22-08-2017 è stato pubblicato il DECRETO 4 agosto 2017 del MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE riportante le modalita' tecniche e servizi telematici resi disponibili dall'infrastruttura nazionale per l'interoperabilita' del Fascicolo sanitario elettronico (FSE) di cui all'art. 12, comma 15-ter del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221.
L'art. 1 comma 382 della Legge di Bilancio 2017, con un emendamento all'art. 12 DL 179/2012, ha previsto un'accelerazione nella realizzazione del Fascicolo sanitario elettronico (FSE), attraverso la realizzazione dell'Infrastruttura nazionale per l'interoperabilità dei Fascicoli Sanitari Elettronici da parte del Ministero dell'economia e delle finanze, utilizzando l'infrastruttura del Sistema Tessera Sanitaria.

Il Decreto attuativo del 4 agosto 2017 ora pubblicato in Gazzetta definisce i servizi telematici che il Sistema Tessera Sanitaria deve rendere disponibili:

L'infrastruttura nazionale per l'interoperabilità fra FSE regionali,
La sussidiarietà per le regioni che non hanno ancora realizzato il proprio fascicolo sanitario elettronico;
La disponibilità dei dati del Sistema Tessera Sanitaria nel FSE.

Il Garante della protezione dei dati personali ha espresso parere favorevole al decreto 4 agosto 2017 nell'adunanza del 26/7/2017.

IL TESTO IN GAZZETTA

fimmgroma.org 25 agosto 2017
ITALIA OGGI: Con il decreto Madia cambieranno a regime le fasce di reperibilità dei dipendenti


Pubblicato Martedì, 22 Agosto 2017 23:33 .

Visite fiscali, ci penserà l' INPS ma solo se avrà i soldi. Il lavoratore irreperibile rischia il controllo in ambulatorio

LEGGI

fimmgroma.org 25 agosto 2017
REGIONE CALABRIA

Dipartimento Tutela della Salute e politiche sanitarie
Proposta n.131 del 10 agosto 2017

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA


(per l'attuazione del vigente Piano di rientro dai disavanzi del SSR calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all'articolo 2, comma 88, della legge 23 dicembre 2009, n. 191, nominato con
Deliberazione del Consiglio dei Ministri in data 12.3.2015)
DCA n.111 del 10 AGO, 2017

OGGETTO: Procedure assunzionali nelle Aziende del S.S.R. - art. 1 comma 541 e 543 della L. 208/2015 e s.m.i. (Legge di stabilita 2016) - Definizione del fabbisogno di personale delle Aziende sanitarie e ospedaliere della Regione Calabria necessario all'applicazione della Legge n. 161/2014 e Pubblicato sul Bollettino Ufficiale...LEGGI

Redazione 11 agosto 2017
RIUNIONE CONGIUNTA DEL TAVOLO TECNICO PER LA VERIFICA DEGLI ADEMPIMENTI REGIONALI CON IL COMITATO PERMANENTE PER LA VERIFICA DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA

Regione Calabria

Riunione del 20 luglio 2017

Oggetto della riunione:

- Aggiornamento pagamenti debiti anni pregressi
-Tempi di pagamento dei fornitori e fatturazione elettronica
- Risultato d’esercizio Conto consuntivo 2016
- Esame Stato patrimoniale 2016
- Verifica del Piano di Rientro
- Verifica adempimenti....LEGGI

Redazione agosto 2017
Licenziamenti sprint per i dipendenti pubblici infedeli

di Giampiero Falasca



Dal 5 agosto, con la pubblicazione sulla «Gazzetta Ufficiale» avvenuta il giorno precedente, è entrata in vigore la nuova procedura di licenziamento accelerato per i dipendenti pubblic i. Le norme del decreto legislativo 118/2017 cambiano in misura rilevante la procedura applicabile quando un dipendente pubblico viene colto in flagranza a commettere alcuni illeciti che, secondo le norme del testo unico sul pubblico impiego, meritano di essere puniti con la sanzione più grave, il licenziamento. La lista degli illeciti ...LEGGI

rstampa.pubblica.istruzione.it 09 agosto 2017
Spesa sanitaria. “Decrescita” certificata dal Mef. Dal 2010 al 2016 - 0,1% annuo. Nei primi cinque anni del 2000 cresceva al ritmo del 7,5% l'anno. Spesa per il personale pesa sempre meno sul totale dei costi (-8,8). Il rapporto della Rgs

L'analisi è della Ragioneria generale dello Stato, che ha pubblicato il rapporto “Monitoraggio della spesa sanitaria” 2017. Il contenimento di spesa, secondo la Rgs ha consentito anche la stabilizzazione di questa in rapporto al Pil, “nonostante le dinamiche di crescita fortemente ridimensionate per effetto della crisi economica”. Tutte le spese in calo, tranne quella per i farmaci innovativi. IL RAPPORTO::...LEGGI

quotidianosanita.it 07 agosto 2017
Dimissioni Urbani. Gentiloni metta fine a questo teatrino


03 AGO - Gentile Direttore,

l’Anaao Assomed Calabria apprende oggi dalla stampa la notizia delle dimissioni rassegnate da Andrea Urbani dalla carica di Sub Commissario. Parrebbe che le stesse siano state irritualmente consegnate alla prediletta Ministra Beatrice Lorenzin, piuttosto che all’Autorità che lo ha nominato, il pro-tempore Premier. Si legge poi il piccato commento del Commissario Massimo Scura, che, nell’escalation di contumelie tra Rappresentanti dello Stato (una indecorosa telenovela senza precedenti nella storia repubblicana), contiene una gravissima affermazione, la quale ci ha spinto a produrre la presente nota: “Urbani manca in Calabria da 5 mesi”.

Ricordiamo ai non addetti ai lavori che Urbani è stato nominato, agli inizi dell’anno, direttore della Programmazione Sanitaria del Ministero della Salute, incarico ritenuto compatibile con quello di sub commissario dal Sottosegretario Faraone, in risposta a specifica interrogazione postagli nel question time del 23 marzo, dall’on. M5S Nesci, in Commissione Affari Sociali della Camera.

Certo, si tratta di 2 incarichi di natura diversa, e soprattutto con diversa sede di lavoro: una a Roma, l’altra a Catanzaro. Ora sappiamo da fonte attendibile che Urbani diserta da 5 mesi l’ufficio di Catanzaro...LEGGI

quotidianosanita.it 04 agosto 2017
Calabria. Si è dimesso Andrea Urbani. Nuova polemica con Scura

Ad annunciarlo il commissario Massimo Scura, che polemizza: “Leggo sulla stampa che la causa sarebbe il dissenso con i miei decreti sulle assunzioni ritenuti illegittimi, affermazione che andrebbe almeno supportata dalla enunciazione delle leggi che avrei violato. Altrimenti trattasi di svista macroscopica o, forse, di pura denigrazione nei miei confronti”.


03 AGO - “Ho ricevuto, per conoscenza, la nota delle dimissioni irrevocabili del sub commissario Andrea Urbani. Leggo da alcune affermazioni di stampa che la motivazione che avrebbe indotto il sub commissario a dimettersi sarebbe (il condizionale e d'obbligo in quanto le affermazioni attribuite a Urbani non sono virgolettate) il dissenso con i miei decreti sulle assunzioni ritenuti illegittimi”. Lo afferma, in un comunicato ripreso dall’Ansa, il Commissario per la Sanità della Calabria, Massimo Scura. La notizia delle dimissioni di Urbani era stata pubblicata dal sito "Corriere della Calabria".

“Desidero ricordare innanzi tutto - aggiunge Scura - che il dott. Urbani”, che lo scorso marzo è stato nominato capo della Programmazione sanitaria presso il Ministero della Salute, “manca dalla Calabria da 5 mesi”..LEGGI

quotidianosanita.it 04 agosto 2017
Corte dei conti

Il danno erariale per incarichi dirigenziali a soggetti esterni alla P.A.

Photo Credit ilquotidianodellapa.it Il danno erariale per incarichi dirigenziali a soggetti esterni alla P.A.

Gli elevatissimi requisiti di professionalità ed esperienza nella sentenza del giudice contabile.


Un Ente regionale lombardo conferiva per un lungo periodo un incarico dirigenziale apicale (di natura tecnica) a soggetto estraneo ai ruoli dell’Amministrazione. La scelta era caduta su soggetto titolare, a detta dei conferitori, di un curriculum assolutamente idoneo alla funzione, “valutati i titoli le competenze e le esperienze professionali maturati”.

A seguito di un esposto dettagliato, la Procura regionale della Corte dei conti apriva una apposita istruttoria sulla citata nomina, per asserito danno erariale. Era risultato, infatti, che il candidato si era laureato in fisica in otto anni (quindi al quarto anno fuori corso), con voti 100 su 110, e le sue esperienze professionali si erano rivelate tutto sommato modeste (partecipazione ad un gruppo di lavoro presso una Provincia; un rapporto di lavoro presso la Regione, con qualifica di istruttore direttivo amministrativo in forza ad un gruppo politico; alcune docenze presso istituti scolastici di secondo grado, ecc.).

I giudici contabili, rigettando l’eccezione secondo la quale al caso di specie non si applicherebbe l’art. 19, comma 6, del D.L.vo n. 165 del 2001, norma invece costituente principio generale in materia estensibile anche agli Enti locali - in ciò richiamandosi anche a copiosa pregressa giurisprudenza conforme - hanno rilevato che il vigente quadro normativo impone, per soggetti non vincitori di un pubblico concorso (regola generale nel nostro ordinamento amministrativo), che per poter "lavorare", anche temporaneamente, con la Pubblica amministrazione (con rapporto subordinato o autonomo), occorre rispettare requisiti procedurali di selezione e di successiva trasparenza degli incarichi e, soprattutto, possedere assai elevati requisiti culturali professionali per il conferimento dei medesimi incarichi.

In altri termini, a norma della citata disposizione nell'attuale come nel previgente testo (anteriore cioè alla novella introdotta dal D.L.vo n. 150 del 2009), stabilisce dunque la possibilità di conferire incarichi di funzioni dirigenziali a tempo determinato, fornendone espressa motivazione, a tre diverse categorie di soggetti di particolare e comprovata qualificazione professionale e culturale, non rinvenibile nei ruoli (dirigenziali) dell'Amministrazione:

a) soggetti che abbiano svolto attività in organismi ed enti pubblici o privati, ovvero aziende pubbliche o private, con esperienza acquisita per almeno un quinquennio in funzioni dirigenziali;

b) persone che abbiano conseguito una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla indefettibile formazione universitaria e postuniversitaria, da pubblicazioni scientifiche o/e (congiunzione mutata dopo il citato D.L.vo n. 150) da concrete esperienze di lavoro maturate per almeno un quinquennio, anche presso Amministrazioni statali, ivi comprese quelle che conferiscono gli incarichi, in posizioni funzionali previste per l'accesso alla dirigenza;

c) soggetti che provengano dai settori della ricerca, della docenza universitaria, delle magistrature e dei ruoli degli avvocati e procuratori dello Stato....LEGGI

ilquotidianodellapa.it 01 agosto 2017
Il 118 e la gestione preospedaliera in emergenza del paziente affetto da ictus cerebrale in Calabria

Autore

Dott. Riccardo Borselli


Direttore Centrale Operativa 118 di Cosenza
Specialista in Anestesia e Rianimazione
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
Helicopter Emergency Medical Service - Regione Calabria

Presidente Regione Calabria - Società Italiana Sistemi 118

Regione Calabria – Dipartimento Salute - componente tavolo tecnico PDTA area nord

Questo lavoro vuole evidenziare la risposta operativa del sistema di emergenza 118 rappresentando il modello di PDTA adottato in emergenza nel trattamento preospedaliero del paziente affetto da ictus cerebrale, dalla telefonata di soccorso alla presa in carico al Pronto Soccorso...LEGGI

itjem.org 28 luglio 2017

Sanità, dal 2000 la spesa per i dipendenti è crollata del 22% rispetto alle uscite totali del Ssn. Lo certifica la Ragioneria

di r.tu.

Il rapporto della Ragioneria sulla spesa sanitaria



La debacle del personale. Oltre il 20% in meno dal 2000 al 2016. Per passare da un'incidenza del 39,8% a quella del 31% sulla spesa sanitaria totale. Crollano i redditi da lavoro dipendente nel Ssn, che intanto tra il 2011 e il 2016 hanno fatto registrare un tasso di variazione medio annuo in calo dell'1,3% . Il peggiore di tutti i settori della spesa sanitaria pubblica. Colpa del blocco del turn over nelle regioni sotto piano di rientro e dei tagli autonomamente decisi nelle altre regioni. E non solo. Questo mentre i consumi intermedi, ad esempio, sono schizzati all'insù dal 18,7 al 28% nello stesso arco di tempo.

Il Rapporto della Ragioneria. Mentre impazza l'attesa per il rinnovo dei contratti, è la Ragioneria generale dello Stato a certificare una volta di più la debacle che sotto i colpi di maglio della crisi sta colpendo la dipendenza Ssn. Un check che arriva dal Monitoraggio 2017 della spesa sanitaria del Rapporto n. 4 appena pubblicato.

Spesa e Pil. Che parte dall'amara constatazione del «forte rallentamento» fatto segnare dalla dinamica della spesa sanitaria corrente: «a fronte di un tasso di crescita medio annuo del 7,4% nel quinquennio 2001-2005, il tasso di crescita del quinquennio successivo scende al 3,1%», annota la Ragioneria. Aggiungendo che «tale andamento si è ulteriormente consolidato nel periodo 2011-2016, dove la spesa sanitaria registra un tasso di variazione medio annuo leggermente negativo pari a -0,1%». Non senza però precisare che «il contenimento della dinamica della spesa sanitaria ha consentito, fra l'altro, la sostanziale stabilizzazione della spesa in rapporto al PIL, nonostante le dinamiche di crescita fortemente ridimensionate per effetto della crisi economica». Così, tra il 2000-2007 «la spesa sanitaria è cresciuta in rapporto al Pil in misura significativa, passando dal 5,5% al 6,4%, pur in presenza di una dinamica di crescita del denominatore del 3,8% medio in termini nominali annuo in termini nominali». Dal 2008 invece il tasso di crescita del Pil nominale «è risultato molto più contenuto e addirittura negativo in alcuni anni. Nonostante ciò, la contenuta dinamica della spesa sanitaria non è sufficiente a evitare che la stessa cresca in rapporto al Pil attestandosi al 7,1%, negli anni più acuti della crisi. Dal 2011 - aggiunge ancora la Rgs - il rapporto scende di qualche decimo di punto percentuale e, nonostante la bassa crescita economica mediamente registrata nel periodo, arriva al 6,7% nel 2016»....LEGGI

sanita24.ilsole24ore.com 28 luglio 2017
Antipolio, la Cassazione nega l'indennizzo per un bimbo autistico

Medlex | Redazione DottNet | 25/07/2017 23:16

La richiesta era partita dal padre. Lorenzin: nessuna relazione

No all'indennizzo per il bambino di Salerno autistico. Confermando le sentenza di tribunale e Corte d'Appello, la Cassazione ha bocciato la richiesta di indennizzo presentata da un padre convinto che il figlio avesse contratto l'encefalopatia immunomediata ad insorgenza post vaccinica con sindrome autistica a causa del vaccino antipolio Sabin. Una decisione che arriva alla vigilia della discussione alla Camera del decreto sull'obbligo vaccinale a scuola, già approvato dal Senato e su cui il voto dovrebbe arrivare venerdì con la fiducia.

E dopo le crescenti proteste del movimento no vax, che hanno trovato uno sponda anche nel dibattito politico. "Direttamente o indirettamente - ha commentato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin - la tesi principale dei no vax è quella di paventare un presunto collegamento, giocando sulla paura delle madri e delle famiglie. Questa tesi è stata smentita in questi anni prima di tutto dalla comunità scientifica mondiale e adesso anche dal diritto e dalla giustizia", ora "le forze politiche tutte hanno la grande occasione di rassicurare la popolazione e smentire definitivamente le false notizie, le bufale che hanno alimentato paure ingiustificate e contribuito a far precipitare le coperture vaccinali". I giudici del Palazzaccio hanno confermato le conclusioni del tribunale e della Corte d'Appello di Salerno, che a seguito di una perizia tecnica avevano a loro volta respinto la richiesta escludendo il nesso di causalità tra la vaccinazione e la malattia...LEGGI

dottnet.it 27 luglio 2017
«Il decreto sulle Rsa farà perdere 700 posti di lavoro»


È di pochi giorni fa la notizia del nuovo decreto che ridetermina le tariffe destinate alle Residenze sanitarie assistenziali della Calabria, precisamente il dca 102 dell'11 luglio 2017 che definisce i requisiti minimi per autorizzazione e accreditamento delle Rsa e stabilisce un ribasso delle tariffe giornaliere del 13%. Un decreto che, a causa della riorganizzazione prevista, comporterà inevitabilmente un licenziamento di circa 500-700 operatori occupati nelle Residenze sanitarie calabresi.
Occorre effettuare una analisi dettagliata di questo decreto per cercare di capire quale è il criterio utilizzato dalla struttura commissariale per arrivare a quanto disposto. Da una attenta lettura dei requisiti minimi organizzativi riportati in tabella, nel dca si evince che maggiore è il numero dei posti letto, minore sarà il numero del personale utilizzato per garantire i servizi di assistenza; dunque, maggiore è il numero dei posti letto, maggiore sarà il personale occupato coinvolto nelle procedure di licenziamento a causa di questo decreto...LEGGI

corrieredellacalabria.it 24 luglio 2017
Manager Asl. Consiglio dei Ministri dà il via libera definitivo alla riforma dei criteri per la selezione. Ci sarà un elenco nazionale per i Dg di Asl e Ospedali. Il testo in pubblicazione sulla GU

Il Dlgs appena approvato attua la riforma della Pa sulle regole per la scelta di direttori generali, sanitari e amministrativi delle strutture del Servizio sanitario nazionale e risponde alle osservazioni della Consulta che aveva bocciato il primo testo chedendo il rispetto del principio di "leale collaborazione" con le Regioni. IL TESTO....LEGGI

quotidianosanita.it 22 luglio 2017
Bufera sull’Asp di Catanzaro, così gli indagati attingevano al “pozzo di San Patrizio”

Ecco le cifre percepite dagli indagati secondo la ricostruzione degli inquirenti. Eluse le verifiche, seppur timide predisposte dal management dell’azienda per via di qualche funzionario a dir poco compiacente


E’ Giuseppe Romano, referente responsabile della fase esecutiva e gestionale del progetto StopandGo, il fulcro intorno a cui ruota e si snoda l’inchiesta condotta questa mattina dalla Procura della Repubblica di Catanzaro.

“Il direttore del Servizio informativo aziendale si sarebbe impossessato, secondo quanto scrive il pm nella richiesta della misura cautelare, di 68.309 euro. Una cifra considerevole nell’ambito del progetto finito al centro delle indagini”. Romano, secondo la ricostruzione della Procura della Repubblica, “eludendo la supervisione del direttore generale, ha potuto disporre l’elargizione di cospicui compensi distraendo risorse pubbliche”. E ciò per avvantaggiare “se stesso, nonchè i propri sodali e colleghi compiacenti”. Il tutto secondo “una logica di ripartizione che non ha alcun fondamento razionale se non il mero favoritismo”. Costui, peraltro, a giudizio dei magistrati, “non ha esitato a spendere cifre superiori a quelle fissate dalla stessa Commissione europea in sede di stanziamento delle risorse”.

Non a caso il direttore generale dell’Asp Giuseppe Perri definiva “una cosa gravissima” la gestione del denaro nell’ambito di questo progetto e il direttore sanitario Carmine Dell’Isola che parla con lui in questi termini: “Giuseppe qui la prima cosa che vorrei sapere è il lavoro. Che cosa è stato fatto. Invece qui c’è la distribuzione dei pani e dei pesci. C’è un pozzo di San Patrizio....LEGGI

zoom24.it 19 luglio2017
Sanità: Cittadinanzattiva, monitoraggio dei servizi sul territorio

Zaia: si tratta di uno studio prezioso


(Regioni.it 3205 - 19/07/2017) Il 10% dei pazienti spende fino a 1000 euro mese per compensare le carenze della sanità. Lo sostiene il Rapporto di Cittadinanzattiva “Fuori dall’ospedale dentro le mura domestiche”, che evidenzia come tra farmaci, badante, fisioterapista e pannoloni, un paziente su 10 spende oltre 1000 euro al mese di tasca propria. A causa anche delle lentezze burocratiche: un cittadino su 4 attende più di 30 giorni per materasso o cuscino antidecubito, per traverse e pannoloni; uno su 3 aspetta un mese per ricevere una carrozzina. Più di uno su 10 attende oltre un mese per avere farmaci indispensabili. L
E’ positiva invece l'esperienza dei cittadini nei confronti di infermieri e fisioterapisti che si recano a casa, ma chiedono di migliorare i tempi nell'attivazione del servizio.
Quanto alle forme di aggregazione delle cure primarie, che dovrebbero spostare l'offerta di prestazioni sanitarie dall'ospedale al territorio, un esplicito coordinamento tra i due tipi di struttura previsti, ovvero AFT (Aggregazioni Funzionali Territoriali) e UCCP (Unità Complesse di Cure Primarie), è presente nel 63% delle regioni. Inoltre balza agli occhi la diversità di nomi per definire le UCCP: in Emilia Romagna Toscana e Piemonte si chiamano Case della Salute, in Veneto Medicine di Gruppo Integrate, in Piemonte Centri di Assistenza Primaria...LEGGI

regioni.it 19 luglio2017
Bufera sulla Asp di Catanzaro, sperperati i fondi comunitari: arrestati dirigenti e funzionari

I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Catanzaro hanno eseguito nove misure cautelari - due arresti domiciliari e sette misure interdittive - nei confronti di dirigenti e funzionari dell'Azienda sanitaria provinciale, indagati, a vario titolo, per concorso in peculato aggravato e favoreggiamento personale. Nell'ambito dell'inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, sono anche stati sequestrati beni per oltre 300 mila euro....LEGGI

quotidianosanita.it 17 luglio2017
Così il fattore-spesa ha spaccato Nord-Sud

di Federico Spandonaro (Crea Sanità - Universitàdegli studi di Roma “Tor Vergata”)

Il ranking emerso dalla quinta annualità del rapporto promosso da Crea Sanità, restituisce una nuova forma di lettura della spaccatura (tendenzialmente Nord-Sud) del nostro sistema sanitario (nonché economico e sociale): quello sulla valutazione delle dimensioni della Performance. Si è, infatti, palesata una chiara dipendenza delle valutazioni dal contesto (geografico/istituzionale) di provenienza degli esperti (da intendersi in termini di afferenza a Regioni con Ssr in Piano di rientro o a Regioni in sostanziale equilibrio), ovvero dalle diverse preferenze da questi espresse e sulle quali si determina la Performance....LEGGI

sanita24.ilsole24ore 17 luglio2017

Performance dei Ssr. Toscana al top; Calabria, Abruzzo, Puglia, Friuli VG e Molise maglia nera. Il Rapporto Crea Sanità

Nell’area d’eccellenza si posizionano, dopo la Toscana, Lombardia, Liguria, Veneto ed Emilia Romagna. Rispetto allo scorso anno, entrano nell’area critica Abruzzo e Friuli Venezia Giulia, mentre ne esce la Campania, che con Lazio, Sardegna, Marche, P.A. di Bolzano, Valle d’Aosta, Sicilia, Umbria, Piemonte, Basilicata e P.A. di Trento va a formare l'area di Performance “intermedia”. . Il Rapporto...LEGGI

quotidianosanita.it 17 luglio2017

Molise. Al via il Fascicolo sanitario elettronico. Frattura invita tutti i cittadini ad aderirvi

Il Fse è attivabile solo previo il consenso personale che potrà essere di due tipi: consenso all’alimentazione (l’istituzione stessa del Fse con esclusivi scopi di ricerca e di governo previsti dalla legge) e consenso alla consultazione con finalità di cura. La gestione tecnica e informatica sarà a cura della Regione e dell’Asrem. “Saranno i nostri dati di salute a seguire noi e non più noi a doverli recuperare”, ha detto Frattura....LEGGI

quotidianosanita.it 03 luglio2017
Premio all'informazione scientifica: ecco i vincitori

Professione | Redazione DottNet | 29/06/2017 12:26

L'evento si è svolto presso il ministero della Salute promosso da FareRete onlus con il Patrocinio di FNOMCeO e del Ministero della Salute e con il contributo non condizionato di Merqurio e Medi-Pragma



L’informazione medico scientifica rappresenta un tassello importante nel passaggio tra medico e paziente. L'obiettivo è il trasferimento al professionista di conoscenze certe, trasversali e puntuali necessarie per la cura dei propri pazienti; in questo modo si connota di una decisa valenza sociale – in quanto favorisce la salute dei cittadini – fino ad avere un impatto positivo sulla sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale, poiché la prevenzione di gravi patologie è strettamente correlata alla diagnosi precoce e alla corretta aderenza terapeutica.

“L'evento è un'occasione importante per valorizzare i progetti che hanno generato un reale beneficio per la salute dei cittadini – ha affermato in un messaggio inviato agli organizzatori il ministro della Salute Beatrice Lorenzin -, e un decisivo progresso verso l'affermazione della centralità del paziente” ...LEGGI

dottnet.it 30 giugno 2017
RIUNIONE CONGIUNTA DEL TAVOLO TECNICO PER LA VERIFICA DEGLI ADEMPIMENTI REGIONALI CON IL COMITATO PERMANENTE PER LA VERIFICA DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA

Regione Calabria
Riunione del 28 marzo 2017


Oggetto della riunione:
- Aggiornamento pagamenti debiti anni pregressi
- Tempi di pagamento dei fornitori e fatturazione elettronica
- Risultato d’esercizio IV trimestre 2016
- Verifica annuale del Piano di Rientro
- Verifica adempimenti.

LEGGI: VERBALE 28 Marzo 2017 Tavolo Adduce



Regione Calabria 28 giugno 2017
Corte dei conti. Rendiconto generale dello Stato 2016: sanità a rischio di diseguaglianze e corruzione. Ma il bilancio del Ssn chiude in attivo di 312 milioni e il futuro è roseo

Nel giudizio della Corte dei conti la sanità è indicata come settore a rischio di diseguaglianze, ma anche di conflitti di interesse, illeciti anche penali e corruzione. La spending review non ha avuto il successo sperato e la Corte punta sulla Consip. Ma la spesa tiene e, anzi, il bilancio finale 2016 chiude in attivo di 312 milioni. PRESIDENTE CORTECOORDINAMENTO DELLE SEZIONI RIUITE DI CONTROLLOPROCURATORE GENERALEI RISULTATI SETTORE PER SETTORE...LEGGI

quotidianosanita.it 28 giugno 2017
Rete nazionale registri tumori. Si valuterà anche l'incidenza di fattori di carattere professionale sulla diffusione di patologie oncologiche

Questo grazie ad alcuni emendamenti dei relatori approvati ieri dalla Commissione Affari sociali della Camera. Il monitoraggio avverrà anche attraverso forme di connessione e di scambio di dati con i sistemi informativi esistenti, con particolare riferimento al sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro (Sinp). GLI EMENDAMENTI APPROVATI...LEGGI

quotidianosanita.it 27 giugno 2017
Da luglio defibrillatori in tutti gli impianti sportivi. La norma

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 26/06/2017 22:09

Lorenzin firma decreto; in mancanza non si potranno svolgere attività



L'obiettivo è evitare tragiche morti come quella, in campo nel 2012, del calciatore del Livorno Piermario Morosini. Per questo, dal primo luglio, scatterà l'obbligo della presenza di defibrillatori in tutti gli impianti sportivi, anche quelli dilettantistici (clicca qui per scaricare il decreto). L'annuncio arriva via tweet da parte del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha reso noto di aver firmato il decreto in merito di concerto con il titolare dello Sport Luca Lotti...LEGGI

dottnet.it 27 giugno 2017
Calabria. Incompatibilità presidenti/commissari, Lorenzin accoglie l'appello di Oliverio su applicazione nuova norma

"Porrò il problema al Consiglio dei Ministri”, ha assicurato il ministro della Salute rispondendo alle sollecitazioni del presidente della Giunta calabrese sull’applicazione della legge di bilancio 2017 che prevede il superamento dell'incompatibilità dei Presidenti di Regione con le funzioni di Commissario. Impegno anche a sbloccare il decreto assunzioni, “fermo da mesi per lo stallo che persiste nella struttura commissariale”, ha detto Oliverio.


26 GIU - “Porrò il problema al Consiglio dei Ministri. Se fosse stato per me lo avrei già fatto da tempo, ma questa è una decisione collegiale che riguarda il Consiglio dei Ministri nella sua collegialità”. Questo, secondo quanto riferito da una nota dell’ufficio stampa della Regione Calabria, l’impegno preso dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, nel corso dell’ultima Conferenza dei Presidenti delle Regioni rispondendo alle sollecitazioni del Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, sull'applicazione della legge di bilancio 2017 in materia di Commissariamenti nella sanità che prevede il superamento dell'incompatibilità dei Presidenti di Regione con le funzioni di Commissario...LEGGI

quotidianosanita.it 27 giugno 2017
Campania e Calabria. Per la sanità Costituzione “sospesa”

Medici di medicina generale. Allarme in Puglia: dal 2022 non si riuscirà più a coprire i pensionamenti. Lo rileva uno studio della Fimmg

Il 2021 sarà infatti l'ultimo anno in cui ci sarà una riserva di medici in graduatoria pronta a sostituire chi va in pensione. Ma secondo l'analisi condotta dalla Fimmg Continuità Assistenziale di Bari, già nel giro di 2-3 anni in alcune Asl pugliesi si avrà difficoltà reperire medici. E nel 2031 l'ammanco sarà di oltre 1.570 medici su un fabbisogno di circa 3.700. LO STUDIO...LEGGI

quotidianosanita.it 23 giugno 2017
Campania e Calabria. Per la sanità Costituzione “sospesa”

Mentre Roma è affaccendata tra capilista bloccati e soglie elettorali, Campania e Calabria rimangono in un limbo in cui affonda la sanità pubblica ed il rapporto tra cittadini e politica, costituendo il vero terreno di coltura dei tanti populismi e della epidemia di astensionismo elettorale


22 GIU - Mentre la Campania attende da mesi, nell’immobilismo più totale, di conoscere il vincitore del braccio di ferro tra politici nazionali e regionali per la corona di responsabile della sanità locale, la Calabria consuma la sopravvivenza del suo sistema sanitario per un blocco delle assunzioni tanto feroce quanto stupido, dopo l’ennesimo nulla di fatto al tavolo ministeriale. E le mille assunzioni promesse rimangono virtuali mentre restano a zero i nuovi medici negli ospedali della regione...LEGGI

quotidianosanita.it 23 giugno 2017
«Le scuole di specializzazione di Catanzaro rischiano di chiudere»

di Anna Rotundo*, Ivan Potente** e Bruno Talarico*** Mercoledì, 21 Giugno 2017


Il Campus universitario si staglia nella vallata di Germaneto con la sagoma rassicurante di un ospedale del futuro e sembra rammentare a chi lo guarda che il futuro della nostra città sta proprio lì. Tuttavia nello scrivere questo articolo siamo costretti a preconizzare una situazione che di rassicurante ha ben poco e possiede l’impatto travolgente delle novità alle quali nessuno credeva perché da troppo tempo annunciate. È questo il caso del recentissimo (13 giugno) “Decreto interministeriale recante gli standard, i requisiti e gli indicatori di attività formativa e assistenziale delle Scuole di specializzazione di area sanitaria”....LEGGI

corrieredellacalabria.it 21 giugno 2017
La distanza della Calabria da una regione normale

Antonio Aquino | Giu 15, 2017 | Conti Economici Regionali


….è come se la meridiana della Matrice segnasse un’ora del 13 luglio 1789,

domani passerà sulla meridiana l’ombra della Rivoluzione francese,

poi Napoleone il Risorgimento la rivoluzione russa la Resistenza,

chissà quando la meridiana segnerà l’ora di oggi,

quella che è per tanti altri uomini nel mondo l’ora giusta.

(Leonardo Sciascia, Le Parrocchie di Regalpetra”, Bari, Laterza, 1956)

Nel corso del mese di giugno la Banca d’Italia presenta ogni anno delle analisi sull’andamento dell’economia nelle diverse regioni italiane. Da queste analisi emergono fra le regioni del Nord e quelle del Sud dell’Italia differenze strutturali di una intensità che non sembra avere corrispondenze in nessun altro paese del mondo. Le principali di queste differenze possono essere illustrate, per esempio, confrontando le analisi dedicate dalla Banca d’Italia alla Calabria e all’Emilia Romagna, i cui risultati sono stati pubblicati il 13 giugno 2017...LEGGI

Antonio Aquino
opencalabria.com 15 giugno 2017
Oliverio: il termalismo può diventare una risorsa per la Calabria

CATANZARO «Il presidente della giunta regionale, Mario Oliverio, ha concluso alle Terme Sibarite di Cassano allo Jonio i lavori del convegno sul tema "Turismo Termale. Opportunità e scenari futuri"». A darne notizia è un comunicato dell'ufficio stampa della giunta regionale. «Nel corso dell'incontro, coordinato da Serenella Chiodi - prosegue il comunicato - sono intervenuti l'amministratore unico della Terme Sibarite, Mimmo Lione che, insieme all'architetto Sergio De Luca, in qualità di tecnico progettista, ha illustrato il progetto che interesserà l'ampliamento, la ristrutturazione e l'ammodernamento dei servizi annessi ai complesso termale alberghiero in cui, tra l'altro, è prevista anche la realizzazione di un centro benessere. Ai lavori, a cui ha portato il suo saluto il sindaco di Cassano, Gianni Papasso, sono intervenuti il dirigente del dipartimento turismo della Regione, Gabriella Rizzo, la direttrice del Museo nazionale archeologico della Sibaritide, Adele Bonofiglio, il presidente della Camera di Commercio di Cosenza, Klaus Algieri, e il consigliere regionale Giuseppe Giudiceandrea. Il progetto presentato, finanziato con Fondi Por della Regione, è stato rimodulato nel tempo, rispetto a quello originario con le sue previsioni e con i suoi costi». «Quella termale - ha detto Oliverio - è una grande risorsa che, ancora, non è adeguatamente sfruttata ai fini dello sviluppo della regione. Dico questo perché dobbiamo assumere un concetto che dobbiamo definitivamente fare nostro: lo sviluppo delle nostra terra passa attraverso la valorizzazione delle nostre risorse....LEGGI
corrieredellacalabria.it 12 giugno 2017
Cassazione: è omicidio se il sanitario sbaglia il codice al P.S.

Il nesso di causalità va però accertato valutando se la condotta omessa avrebbe avuto con alta probabilità logica un ruolo salvifico

L'accertamento del nesso di causalità tra condotta del sanitario e danno cagionato al paziente è una questione, nella pratica, molto complessa.
Proprio per tale ragione merita di essere segnalata in maniera particolare la sentenza della Corte di cassazione numero 26922/2017 (clicca qui per scaricare il testo completo) del 30 maggio, con la quale i giudici hanno fornito delle indicazioni rilevanti per valutare la riconducibilità di un evento dannoso a un'ipotesi di responsabilità medica.
....LEGGI
dottnet.it 12 giugno 2017
Prevenzione primaria cardiovascolare, nessun beneficio dalle statine per gli anziani

Sabato 10 Giugno 2017

Monica Guarini

Non è stato riscontrato alcun beneficio quando la pravastatina è stata somministrata per la prevenzione primaria cardiovascolare negli anziani con iperlipidemia moderata e ipertensione. Sono le conclusioni di un'analisi secondaria post-hoc pubblicata recentemente su JAMA Internal Medicine in cui gli autori hanno anche osservato una tendenza all'aumento della mortalità per tutte le cause nei soggetti più anziani.



Non è stato riscontrato alcun beneficio quando la pravastatina è stata somministrata per la prevenzione primaria cardiovascolare negli anziani con iperlipidemia moderata e ipertensione. Sono le conclusioni di un’analisi secondaria post-hoc pubblicata recentemente su JAMA Internal Medicine in cui gli autori hanno anche osservato una tendenza all’aumento della mortalità per tutte le cause nei soggetti più anziani.

Questi risultati sono simili a quelli ottenuti 15 anni fa nel trial principale ALLHAT-LLT (Antihypertensive and Lipid-Lowering Treatment to Prevent Heart Attack Trial) che aveva incluso più di 10.000 persone, con dislipidemia e ipertensione ma nessuna malattia cardiaca, randomizzati a ricevere 40 mg/die di pravastatina o le cure usuali.

“Mentre la terapia con statine per la prevenzione cardiovascolare primaria è stata associata a riduzioni della morbilità cardiovascolare, l'effetto sulla mortalità per tutte le cause è stato variabile” ha fatto sapere il dottor Benjamin H. Han, della New York University Langone School of Medicine, NY, e autore principale della nuova analisi secondaria.

Essendoci poche prove che suggeriscono l'uso di statine nella prevenzione primaria cardiovascolare negli adulti ultra settantacinquenni, il team di ricercatori con a capo il dottor Han ha esaminato il trattamento con pravastatina in due fasce di età, dai 65 ai 74 anni e dai 75 anni in su, nei partecipanti al trial ALLHAT-LLT.

Nessuna riduzione della mortalità con statine
“Nel trial principale non si era osservata alcuna riduzione significativa della mortalità dopo 6 anni nel gruppo trattato con statina, né un miglioramento degli eventi cardiaci fatali e non”, ha fatto sapere il dottor Han...LEGGI
pharmastar.it 12 giugno 2017

Disturbi alimentari. Lorenzin: “Malattie devastanti. Replicare eccellenze come Villa Francisci in ogni regione”

Così la ministra della Salute che oggi, insieme alla Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, ha visitato il centro regionale disturbi del comportamento alimentare di Todi (Pg). "Un centro di eccellenza importantissimo che ogni anno accoglie decine di ragazze provenienti da tutta Italia e sostiene le loro famiglie nel lungo percorso verso la guarigione".

05 GIU - "L'anoressia e gli altri disturbi alimentari sono malattie devastanti che colpiscono i nostri ragazzi in età sempre più giovane, per questo, come Ministro, mi impegnerò da subito, cercando l'intesa con la conferenza Stato Regioni, ad attivare l'iter necessario a replicare eccellenze come Villa Francisci in ogni regione del nostro paese". È quanto ha affermato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che oggi, insieme alla Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini ha visitato il centro regionale disturbi del comportamento alimentare, "Villa Francisci" di Todi (Pg)...LEGGI
quotidianosanita.it 07 giugno 2017
Tumori: al via potenziale nuovo farmaco che funziona per bambini e adulti


ROMA. Buone notizie per gli ammalati di tumore. I dati arrivano da uno studio del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York presentato al Congresso della Società americana di oncologia clinica (Asco).

Nelle sperimentazioni cliniche su 55 bambini e adulti con 17 diversi tipi di tumori avanzati, il trattamento con la nuova molecola larotrectinib ha determinato una risposta positiva nel 76% dei pazienti.La risposta è stata inoltre duratura, con il 79% delle risposte che ha superato i 12 mesi in media dall'inizio della terapia e in un caso, ancora in atto, di 25 mesi.

La nuova molecola colpisce una particolare anomalia genetica, definita "Trk fusion". Si tratta dunque il paziente basandosi sul particolare tipo di mutazione che egli presenta, indipendentemente dal cancro originario.Per questo, afferma il primo autore dello studio David Hyman, "crediamo che i risultati molto positivi ottenuti dal farmaco debbano spingere la diffusione dei test genetici in pazienti con cancro avanzato per verificare se essi presentano tale anomalia"...LEGGI
vocenuova.tv 05 giugno 2017
ASCO 2017. Nuove applicazioni di atezolizumab per il trattamento di un’ampia gamma di tumori

Al congresso di Chicago l’annuncio di Roche dopo i dati ricavati dagli studi di fase I,II e III. I ricercatori: “Il nostro programma di sviluppo delle immunoterapie antitumorali prevede un approccio onnicomprensivo che mira a ripristinare l’attività del sistema immunitario contro il tumore. I dati ottenuti con una vasta gamma di farmaci e associazioni potrebbero migliorare gli esiti di molti pazienti oncologici”


04 GIU - L’immunoterapia è anche quest’anno uno dei temi principali del 53° Congresso Americano di Oncologia Medica (ASCO) in corso a Chicago. I dati ricavati dagli studi di fase I, II e III, presentati al congresso da Roche sottolineano che atezolizumab (anti PD-L1potrebbe essere associato con successo ad altre immunoterapie, farmaci a bersaglio molecolare e svariate chemioterapie per il trattamento di un’ampia gamma di tumori.

“Applicando la nostra ricerca sull’immunoprofilazione tumorale e sul ciclo immunitario del tumore, stiamo accelerando ed espandendo i benefici sostanziali già registrati con atezolizumab a un maggior numero di pazienti oncologici”, ha dichiarato Sandra Horning, MD, Chief Medical Officer e Head of Global Product Development.

“Il nostro programma di sviluppo delle immunoterapie antitumorali prevede un approccio onnicomprensivo che mira a ripristinare l’attività del sistema immunitario contro il tumore. Al congresso ASCO di quest’anno presenteremo i dati ottenuti con una vasta gamma di farmaci e associazioni, che a nostro parere potrebbero migliorare gli esiti di molti pazienti oncologici”, ha aggiunto...LEGGI
quotidianosanita.it 05 giugno 2017
Le disuguaglianze di salute sono un muro tra Nord e Sud Italia. Ma nel nostro Paese la salute è “più uguale” che nel resto d’Europa

Un laureato vive circa 5 anni di più di un diplomato, ma non se il laureato è del Sud. E l'abbandono delle cure per la crisi è quasi risolto al Centro-Nord, ma è ancora forte nel Meridione. Tuutti i dati nello studio dell'epidemiologo Giuseppe Costa che sarà presentato domenica 4 giugno al Festival dell'Economia di Trento, quest'anno interamente dedicato alla sanità. IL RAPPORTO.. migliorare gli esiti di molti pazienti oncologici”, ha aggiunto...LEGGI
quotidianosanita.it 05 giugno 2017

Manovrina. Il Governo pone la questione di fiducia. Il testo e la sintesi delle misure per la sanità

La ministra Finocchiaro ha chiesto la fiducia sul testo licenziato dalla Commissione Bilancio. Molti gli articoli riguardanti la sanità, dalla possibilità per l'Aifa di utilizzare la fattura elettronica per il controllo della spesa farmaceutica, al passaggio di competenza al Ministero della Salute per le cure degli stranieri, fino alle nuove misure per i farmaci ad innovatività "condizionata" e ai meccanismi per garantire in fretta le risorse sanitarie alle Regioni.IL TESTO ...LEGGI
quotidianosanita.it 31 maggio 2017

Pembrolizumab per il tumore al polmone in fase avanzata

Oggi è possibile trattare il tumore al polmone in fase avanzata senza chemioterapia, obiettivo che si può raggiungere grazie ad una cura a base di pembrolizumab (farmaco immunoterapico noto con il nome commerciale di Keytruda). Il cancro al polmone non a piccole cellule, spesso abbreviato con la sigla NSCLC dall'inglese Non Small Cell Lung Carcinoma, rappresenta circa l'85-90 per cento di tutti i casi di tumore al polmone. L' Agenzia italiana del Farmaco (AIFA), visti i risultati dello studio KEYNOTE-024, ha approvato la rimborsabilità del medicinale utilizzabile nel trattamento di prima linea e in alcuni casi anche in seconda linea. Si tratta di un traguardo importante in campo oncologico in quanto è la prima volta che in Italia viene approvato un farmaco immunoterapico per il trattamento di prima linea del tumore al polmone...LEGGI
universonline.it 27 maggio 2017

Personale Ssn: tutti i numeri struttura per struttura. L’Annuario del ministero della Salute

Nel 2013 il 65% sono donne, il 71% fanno parte del ruolo sanitario e il 58,5% sono infermieri, il 23,4% medici e odontoiatri e lo 0,6% farmacisti. Ma la suddivisione cambia nell'analisi del ministero della Salute struttura per struttura, dalle Asl alle Aziende ospedaliere, dagli Ospedali classificati agli Enti di ricerca IL RAPPORTO......LEGGI
quotidianosanita.it 26 maggio 2017

Case delle Salute. Parte il piano della Regione: i centri saranno 66

Il provvedimento che stanzia la prima tranche di 4 milioni di euro da destinare alla partenza delle attività sarà approvato nei prossimi giorni. L’investimento complessivo per quanto riguarda il 2017 è di 13,3 milioni di euro, 8 milioni messi a disposizione dalla Regione, il resto a carico delle Asl. I 66 progetti finanziati includono 32 nuove realizzazioni e 34 potenziamenti di realtà esistenti....LEGGI
quotidianosanita.it 26 maggio 2017

Ema. Difetti della cartilagine del ginocchio, il Chmp raccomanda un farmaco per l'approvazione. Parere positivo per 11 medicinali

Medicinali per la cura della cheratite neurotrofica, della schizofrenia o per il trattamento della malattia polmonare ostruttiva e della psoriasi. Sono solo alcune delle patologie che potranno beneficiare dei nuovi farmaci che hanno ricevuto la raccomandazione per l’approvazione da parte del Comitato per i medicinali per uso umano dell'agenzia europea del farmaco (Chmp). In tutto si tratta di undici medicinali. Nella riunione di maggio sono arrivate anche sei raccomandazioni di estensioni terapeutiche e tre pareri negativi...LEGGI
quotidianosanita.it 25 maggio 2017
Tra medici e digitale è grande amore, ma il fascicolo sanitario è fermo

di Chiara Sgarbossa, Direttore dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità, School of Management del Politecnico di Milano e Paolo Misericordia, Responsabile del Centro Studi FIMMG


Tra i servizi online più usati dai Medici di Medicina Generale, la consultazione dei referti di laboratorio e di visite specialistiche. Interesse per la consultazione online dei verbali di Pronto Soccorso e le lettere di dimissione. Tutte funzionalità comprese nei FSE regionali, usati però solo da 1 medico su 3

Negli ultimi anni il sistema delle cure primarie ha mosso passi importanti verso un modello assistenziale sempre più orientato alla promozione attiva della salute, anche attraverso un processo di riorganizzazione e integrazione delle cure territoriali e ospedaliere, al fine di migliorare il livello di efficienza, la capacità di presa in carico dei pazienti e l’empowerment del cittadino stesso. Mai come in questo momento le tecnologie digitali stanno accompagnando i medici di medicina generale (MMG) lungo questo percorso evolutivo...LEGGI
agendadigitale.eu 19 maggio 2017
Spreco di farmaci, dietro l’angolo una nuova proposta sul medicinale monodose


Sono 1.270 le tonnellate di medicinali presenti nei rifiuti nel 24,5% dei Comuni italiani secondo il Rapporto rifiuti urbani Ispra 2016. Il Movimento consumatori ripropone quantità di utilizzo minori per terapie non a lungo termine

Migliaia di tonnellate di farmaci scaduti nelle pattumiere degli italiani. Per dare un’idea, secondo calcoli parziali sui rifiuti che riguardano un campione di meno di un quarto (23%) della popolazione, sono 1.270 le tonnellate di medicinali presenti nei rifiuti nel 24,5% dei Comuni italiani (Rapporto rifiuti urbani Ispra 2016). Uno spreco enorme legato, secondo gli esperti, a diverse cause. Prima tra tutte la scarsa ‘disciplina’ dei pazienti rispetto alle cura. Ma anche le variazione delle terapie e persino, in particolare per i farmaci da autocura, l’impossibilità di acquistare confezioni ‘mini’ quando si tratta di prodotti utilizzati al bisogno e non per cure prolungate. Un problema che potrebbe essere risolto con le ‘monodosi‘, un’idea non nuova ma controversa, riproposta dal Movimento consumatori, in termini ‘educativi’...LEGGI
aboutpharma.com 17 maggio 2017
Sistema dell’Emergenza-Urgenza Stato dell’arte e prospettive future
REGIONE CALABRIA- ETICA E SALUTE - TIM - AISDET - RETE SANITA' DIGITALE 29 aprile 2017
Il nostro amico, dr. Floriano Farago', dirigente al ministero della salute e segretario nazionale Unadis RILASCIA UN'INTERVISTA A QUOTIDIANOSANITA.IT

Precari nella PA. Unadis: “Per il conferimento di incarichi si guardi prima al personale interno al Ministero e solo dopo ad esterni”

Così il segretario nazionale del sindacato rappresentativo della dirigenza dei ministeri, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, delle Agenzie Fiscali e dei segretari comunali e provinciali
spiegando come la condizione dei dirigenti precari al Ministero della Salute abbia radici lontane. "Per questi dirigenti, precari ma indispensabili per il funzionamento delle attività del Ministero, non c’è ad oggi alcuna prospettiva di crescita e di carriera".

07 MAG - Nei giorni scorsi sono stati resi noti il numero dei precari del Servizio sanitario nazionale. Un esercito di persone che lavora per garantire l’efficienza della sanità pubblica eppure non viene garantito. Quando però si parla di precari, come ha fatto il ministro Marianna Madia, nel momento in cui ha parlato di stabilizzazione dei precari nella PA, ci si dimentica completamente delle professionalità sanitarie del Ministero della Salute.

"Per questi dirigenti, precari ma indispensabili per il funzionamento delle attività del Ministero, non c’è ad oggi alcuna prospettiva di crescita e di carriera ma solo mortificazione per l’impossibilità di un riconoscimento reale anche per un giusto trattamento giuridico ed economico. Altro problema, a quanto pare invisibile, riguarda i nuovi incarichi conferiti dal primo febbraio 2017". A denunciarlo è l’Unadis, l’unione nazionale dirigenti dello Stato, sindacato rappresentativo della dirigenza dei ministeri, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, delle Agenzie Fiscali e dei segretari comunali e provinciali, che ha più volte ribadito l’importanza di conferire incarichi prima al personale interno al Ministero e solo dopo ad esterni chiamati in “comando”.,,,LEGGI

Floriano Faragò
quotidianosanita.it 08 maggio 2017

Certificati: l'Inps segnalerà i medici che non trasmettono online

Redazione DottNet | 03/05/2017 17:59

Stretta anche sui rientri: chi torna al lavoro in anticipo dovrà presentare un nuovo certificato



L'Inps stringe sui certificati di malattia inasprendo le sanzioni a medici e lavoratori sui certificati di malattia. I camici bianchi che ignorano la trasmissione online, d’ora in poi saranno segnalati alle Asl per l’adozione dei provvedimenti disciplinari (che arrivano al licenziamento). I lavoratori che omettano di presentare un nuovo certificato per il rientro anticipato al lavoro saranno sanzionati come per le assenze alle visite di controllo (50/100% dell’indennità). L'Inps, come ricorda Italia Oggi, avverte così le aziende dai rientri anticipati dei dipendenti...LEGGI
dottnet.it 04/05/2017

Calabria. Oliverio contro il commissariamento della Sanità: “In 7 anni non sono stati affrontati i problemi fondamentali”

Il presidente a Cetraro per inaugurare la nuova Risonanza Magnetica. Sulla querelle relativa al decreto assunzioni, afferma: “Chiederò l’intervento di Lorenzin per sbloccarlo attraverso i necessari correttivi”. E aggiunge: “Non si può continuare a mantenere una situazione per la quale la Calabria ed i calabresi stanno pagando un prezzo inaccettabile. Il Governo deve prenderne atto ed assumere le iniziative conseguenti”...LEGGI
quotidianosanita.it 27 aprile 2017
Certificazione d’idoneità sportiva e la responsabilità del medico

Redazione DottNet | 26/04/2017 12:29

L’attività del medico deve essere esperita caso per caso sulla base della disciplina che deve essere certificata


Il medico sportivo è un medico preposto a svolgere accertamenti di natura sanitaria in relazione allo sport praticato. Ogni disciplina sportiva ha infatti alcuni standard di salute minimi da valutare e rispettare. Pertanto, l’attività del medico deve essere esperita caso per caso sulla base della disciplina che deve essere certificata. Nel 2013, il Ministero della Salute ha regolamentato un delicato aspetto della medicina sportiva, abolendo l’obbligo di presentare il certificato di buona salute, per coloro che vogliono praticare attività ludico-motoria e amatoriale....LEGGI
dottnet 26 aprile 2017
Obbligo di ripianare il superamento del tetto della spesa imputabile al fondo per l'acquisto dei farmaci innovativi

SENTENZA N. 70

ANNO 2017

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE COSTITUZIONALE



SENTENZA

nel giudizio di legittimità costituzionale dell’art. 5, comma 3, lettera a), del decreto-legge 1° ottobre 2007, n. 159 (Interventi urgenti in materia economico-finanziaria, per lo sviluppo e l’equità sociale), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 29 novembre 2007, n. 222, promosso dal Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, nel procedimento vertente tra la Takeda Italia spa e l’Agenzia italiana del farmaco ed altri, con ordinanza del 22 settembre 2015, iscritta al n. 49 del registro ordinanze del 2016, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 11, prima serie speciale, dell’anno 2016.

Visti l’atto di costituzione della Takeda Italia spa, nonché l’atto di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;

udito nell’udienza pubblica del 22 febbraio 2017 il Giudice relatore Giuliano Amato;

udito l’avvocato Antonio Lirosi per Takeda Italia spa, e l’avvocato dello Stato Marina Russo per il Presidente del Consiglio dei ministri....LEGGI
giurcost.org 24 aprile 2017
Interrogazioni Affari Sociali/4. Rete politrauma Calabria, Faraone: “La Regione non ha centro di alta specialità”

Il territorio calabrese ha un bacino di utenza di poco inferiore ai 2 milioni di abitanti e, pertanto, non rientra nei parametri per avere un centro di questo genere. In casi di particolari traumi viene assicurato il trasferimento dei pazienti negli ospedali fuori Regione. Così il sottosegretario alla Salute ha risposto ieri all'interrogazione presentata da Donata Lenzi (Pd)...LEGGI
quotidianosanita.it 22 aprile 2017
Vibo, fucilate contro la casa del commissario dell'Asp di Reggio

La carica a pallettoni ha colpito il muro dell'abitazione di Giacomino Brancati. La polizia ha avviato le indagini. Irto: «Atto inquietante». La giunta regionale: «Intimidazione mafiosa» Venerdì, 21 Aprile 2017 10:43


VIBO VALENTIA Possibile intimidazione nei confronti del commissario dell'Asp di Reggio Calabria, Giacomino Brancati. Nella tarda serata di ieri, ignoti hanno sparato alcuni colpi di fucile calibro 12, caricato a pallettoni, contro il muro dell'abitazione del dirigente regionale, che si trova a Vena Superiore, frazione di Vibo Valentia. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Questura di Vibo che hanno avviato le indagini. La giunta regionale ha nominato Brancati commissario dell'Asp di Reggio nel maggio dello scorso anno. LEGGI
corrieredellacalabria.it 21 aprile 2017
Testamento biologico. Istituti di cura religiosi: “Rispetteremo la legge ma faremo obiezione di coscienza nei casi di Dat contrarie al nostro orientamento etico”

L'Associazione Aris che riunisce le istituzioni sanitarie cattoliche si rivolge così direttamente al Parlamento rivendicando con molta chiarezza il rispetto della libertà di coscienza: "Rivendichiamo l'impegno di applicare rigorosamente la legge in approvazione, salvo la facoltà di non assumerci la responsabilità di assistere pazienti la cui dichiarazione anticipata di trattamento faccia presumere un conflitto difficilmente sanabile con il nostro fermo orientamento etico"...LEGGI
quotidianosanita.it 19 aprile 2017
Il Def e la sanità. Nei prossimi tre anni spesa sanitaria cresce meno del Pil: 1,3% contro 2,9%. Per i contratti PA nessuno stanziamento in più ma un generico impegno a risorse “aggiuntive”. Riforme in programma per acquisti e digitale

Pubblicato il Documento di Economia e Finanza approvato ieri dal Governo.


Le previsioni per la sanità vedono una crescita contenuta della spesa soprattutto fino al 2019. Poi un piccolo balzo nel 2020 quando si stima una spesa di oltre 118,5 miliardi di euro. Ma sempre sotto il 6,5% del Pil. Mancano invece all'appello le somme in più per il rinnovo dei contratti (2,8 miliardi) di cui si parlava nelle prime anticipazioni di ieri. Focus sull'invecchiamento della popolazione e sui maggiori oneri per la spesa prevideziale, sanitraia e sociale da qui al 20160...LEGGI
quotidianosanita.it 13 aprile 2017
Elisoccorso, intesa Aaroi-Leonardo

È stato firmato recentemente a Vergiate (Va), un Accordo di collaborazione tra Leonardo, la principale azienda industriale italiana e tra i leader mondiali in campo elicotteristico, e l'Aaroi-Emac, Associazione che rappresenta oltre 10.000 Medici Anestesisti Rianimatori e dell'Emergenza-Area Critica. L'intesa nasce per sviluppare sinergie per sempre più elevati livelli di capacità operativa e sicurezza per il personale del soccorso sanitario impiegato su elicotteri, da sempre in tutto il mondo punta di diamante dell'intero Sistema di Emergenza-Urgenza...LEGGI
sanita24.ilsole24ore.com 12 aprile 2017
Dirottare i pazienti allo studio privato e' concussione

Inserito il 09 aprile 2017 da admin. - medicina_legale


Arresti domiciliari confermati dalla Cassazione per un medico di una struttura pubblica che, speculando sulle lunghe tempistiche presso il proprio Ospedale spingeva all'aborto privato illegale presso il suo studio privato.( Cass. n. 1082/2017).

Per chiarire le idee, va ricordato che la concussione (art. 317 del C.P.) e' quel reato commesso dal pubblico ufficiale che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o a un terzo, denaro od altra utilita'.

Nel caso in oggetto venivano incriminati diversi medici agenti coordinatamente tra loro per trasferire le donne allo studio privato per l' effettuazione dell' aborto. A nulla sono valse le agomentazioni difensive (di non aver ricevuto denaro o altre concrete utilita') in quanto smentite dalla Corte che rilevava " linguaggio criptico nei colloqui telefonici, segnatamente con riferimento alla quota del suo compenso..."

Non era neppure contestabile la qualità pubblicistica del medico, dato che aveva operato strumentalizzando la sua funzione apicale rispetto all'ambulatorio ospedaliero, senza che a nulla rilevi in senso contrario il fatto che l'aborto veniva poi praticato quale professionista privato.

A proposito dell' altro aspetto (quello della costrizione verso le vittime) il sanitario metteva le gestanti "con le spalle al muro" proponendo come unica alternativa all'aborto illegale il "disvelamento dello stato di gravidanza con conseguente compromissione del rapporto con il partner, di reazioni da parte dei parenti e/o di impossibilità di abortire nel termine legale di 90 giorni".

Per questi motivi la Corte respingeva il ricorso e confermava le misure cautelari.

Daniele Zamperini ...LEGGI
pillole.org 11 aprile 2017
Corruzione, nell’ultimo anno illeciti in un’azienda sanitaria su quattro

Oggi la Giornata nazionale contro la corruzione in sanità. Ecco i dati del report realizzato Transparency International Italia, Censis, Ispe Sanità e Rissc. Farmaci e sperimentazioni cliniche tra le aree più a rischio

di Redazione Aboutpharma Online 6 aprile 2017



La corruzione continua a infettare la sanità italiana. Con il suo fardello di inefficienze, ingiustizie, immoralità e risorse sprecate, che resiste anche ai notevoli progressi compiuti in questi anni sia dal punto di vista normativo che in termini di coscienza e consapevolezza. Parlano i numeri: nell’ultimo anno in Italia un’azienda sanitaria su quattro ha registrato almeno un episodio di corruzione...LEGGI
aboutpharma.com 07 aprile 2017
Nasce la Rete Nazionale dei “tumori rari”. Ecco la bozza di intesa pronta per la Stato-Regioni. Telecomunicazione tra i centri per assistere meglio i pazienti. All’Agenas il coordinamento

Pronto per la Stato-Regioni lo schema di intesa sulla Rete nazionale per i tumori rari. Obiettivi: dare migliori risposte ai pazienti, potenziare la collaborazione inter-istituzionale, ottimizzare gli investimenti in alta specializzazione, aumentare le informazioni per i malati e le famiglie. I nodi della rete comunicheranno grazie a telemedicina e teleconsulto. Definiti 12 percorsi diagnostico-terapeutici e di assistenza. IL DOCUMENTO.....LEGGI
quotidianosanita.it 05 aprile 2017
Defibrillatori. On-line la mappa di dove si trovano in tutto il Piemonte

Sempre più associazioni di volontariato, società sportive, Comuni e privati si dotano di un defibrillatore semi-automatico. Conoscere la loro dislocazione può essere importante per un soccorso efficace e tempestivo. La Giunta ha approvato una delibera che obbliga i soggetti pubblici o privati in possesso di un defibrillatore a registrarsi su una mappa online. Ad oggi i defibrillatori mappati sono circa 1400...LEGGI
quotidianosanita.it 03 aprile 2017
LAZIO : illustrato in anteprima il prossimo piano Regionale per l'abbattimento liste d'attesa

Presa in carico delle strutture del cittadino nelle visite specialistiche, in modo da evitare il rimpallo per le richieste, l'integrazione del sistema degli ambulatori delle cure primarie, la definizione delle agende nel recup e tempistica certa sulle priorita' e il blocco dell'intramoenia ove le liste d'attesa sono troppo lunghe, questi alcuni punti presentati oggi da Giorgio Cerquetani al 6* congresso regionale Fimmg Lazio che ha illustrato in anteprima il Decreto sulle liste d'attesa che sara' introdotto nei prossimi giorni una rivoluzione nel sistema della fruizione delle specialita' nel territorio.

il video della presentazione...LEGGI
fimmgroma.org 03 aprile 2017
Lorenzin, cure sotto la soglia minima in 5 Regioni
Beatrice Lorenzin


ROMA - In 5 Regioni non si raggiunge la "soglia minima" delle cure garantite ai cittadini dal Servizio sanitario, ovvero dei Livelli essenziali di assistenza, "nonostante un miglioramento dei conti negli ultimi anni". Lo ha dichiarato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, anticipando i primi risultati della Griglia Lea 2015, che misura la qualità dei servizi sanitari in Italia. Si tratta di Calabria, Molise, Puglia, Sicilia e Campania, tutte in Piano di rientro o commissariate. I commissariamenti, cioè, "hanno migliorato i conti ma non il livello delle cure"....LEGGI
repubblica.it 03 aprile 2017
In provincia i malati di tumore sono curati coi farmaci di domani

"Si chiama ricerca clinica - precisa Alessandro Bertolini, direttore del Dipartimento di Oncologia Medica di Asst ValtLario - e rappresenta un'opportunità importante per i nostri pazienti"


Redazione
30 marzo 2017 16:14

Asst Valtellina e Alto Lario cura i malati di oggi coi farmaci di domani. Sì, perché, soprattutto in Oncologia Medica, una delle branche in cui la ricerca a livello mondiale è più avanzata, i pazienti di Valtellina, Valchiavenna e Alto Lario, possono essere sottoposti a terapie coi farmaci più innovativi, moderni, efficaci, sperimentati a livello internazionale, ma non ancora disponibili sul mercato.

"Si chiama ricerca clinica – precisa Alessandro Bertolini, direttore del Dipartimento di Oncologia Medica di Asst ValtLario – e rappresenta un’opportunità importante per i nostri pazienti, dato che, in questo modo, permettiamo loro di sottoporsi alle cure più innovative introdotte a livello internazionale, evitando autentici “pellegrinaggi” fuori provincia, fuori regione, o, ancor più, all’estero"....LEGGI


sondriotoday.it 31 marzo 2017
Lorenzin sulle Regioni in piano di rientro: «Conti migliorati grazie alle coperture. In 5 inadempienti sui Lea»

di Red. San.


Commissariate, sotto lo schiaffo del piano di rientro dai maxi deficit del passato e con livelli di cura ai loro assistiti sotto la soglia minima dei Lea, i livelli essenziali di assistenza che dovrebbero essere garantiti allo stesso modo a tutti gli italiani. È la doppia beffa, con danno di salute incorporato, che tocca ai cittadini di Calabria, Molise, Puglia, Sicilia e Campania. È la classifica delle regioni canaglia denunciata alla ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, in un’intervista all'Ansa, nella quale anticipa i primi risultati dei dati 2015 sull'applicazione dei Lea. Non solo: «Troppe regioni commissariate o in piano di rientro riescono a non andare in rosso - avvisa la ministra - solo grazie alle coperture, ovvero all’aumentare delle aliquote fiscali previste dai piani di rientro o a risorse proprie di bilancio. Da qui la proposta di un cambio di passo sui commissariamenti, a partire dal mirino puntato non solo sulle regioni, ma sulle singole aziende sanitarie a fronte di standard bassi di erogazione dei servizi sanitari ai cittadini....LEGGI


sanita24.ilsole24ore.com 31 marzo 2017
Circolare sull’import di farmaci, Lorenzin: «Abbiamo rimosso un odioso ostacolo burocratico»

di Ro. M.


La circolare della ministra della Salute Beatrice Lorenzin sull’import di farmaci per uso personale si è resa necessaria per evitare ambiguità interpretative della normativa in vigore (il Dm 11 febbraio 1997) e facilitare i pazienti...LEGGI


sanita24.ilsole24ore.com 30 marzo 2017
Nuovi Lea. Venturi (Emilia Romagna): “Siamo la prima regione a partire”

La Giunta ha approvato la delibera per il recepimento del Dpcm. “A una lunga serie di esami e servizi che da anni il nostro sistema sanitario regionale garantisce, se ne aggiungono altri. Abbiamo già le strutture, la tecnologia e le competenze per partire”, ha detto l’assessore regionale alla Salute.

28 MAR - Dai vaccini alla cura dell’endometriosi, dal trattamento dell’autismo all’ampliamento delle malattie rare, con relative esenzioni, fino al miglioramento della qualità dell’assistenza grazie a dispositivi tecnologicamente avanzati, basti pensare agli ausili informatici e di comunicazione per persone con gravissime disabilità. Dunque, nuove cure e più esami e visite che i cittadini, gratuitamente o pagando un ticket, possono effettuare attraverso il servizio sanitario regionale. Questo il significato dei nuovi Lea, i Livelli essenziali di assistenza, che in Emilia-Romagna diventano operativi. La Regione, con una delibera di Giunta approvata lunedì, annuncia infatti di avere “compiuto l’ultimo passo necessario, il recepimento del decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri, per trasferire sul territorio le novità introdotte a livello nazionale”...LEGGI


quotidianosanita.it 29 marzo 2017
Aifa, Stefano Vella nuovo presidente
di R.Tu.


Sarà Stefano Vella il nuovo presidente dell'Aifa, l'Agenzia italiana del farmaco. La nomina sarà ratificata giovedì in Conferenza Stato-Regioni ed è stata ufficializzata con una lettera dalla ministra Beatrice Lorenzin. Si scioglie così l'interrogativo dopo il testa a testa tra Remuzzi e Gaudio, fonte di polemiche nelle ultime due settimane.
Vella, 65 anni a giungo, va a occupare la poltrona prima occupata dall'attuale dg Mario Melazzini. È attualmente direttore del Centro per la Salute Globale dell'Iss....LEGGI


sanita24.ilsole24ore.com 29 marzo 2017
Patto sanità digitale. Dal 2014 ancora nulla è stato fatto. Regioni prendano esempio da Bolzano

Nel tempo è sparito ogni riferimento alla presenza dei privati nella governance del Patto: in sostanza, quelli che avrebbero voluto e dovuto investire alcuni miliardi di Euro vennero lasciati fuori dal tavolo. Gli investimenti in ICT del Ssn sono rimasti praticamente invariati, con buona pace del mercato e di una sanità italiana. Nel mentre, a Bolzano, si è deciso di dar vita a un vero e proprio Patto di Sanità Digitale in scala ridotta.

26 MAR - Poco meno di tre anni fa, in occasione degli Stati Generali della Salute, venne lanciato il Patto di Sanità Digitale: il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, raccogliendo una proposta avanzata dal sottoscritto e dal Presidente di Confindustria Digitale Elio Catania, diede l’avvio a un’iniziativa che avrebbe potuto rappresentare il punto di svolta lungo il percorso della completa digitalizzazione del Servizio Sanitario Nazionale....LEGGI

  

quotidianosanita.it 28 marzo 2017
Licenziamenti Disciplinari per i Dipendenti Pubblici: tutti i casi

Stretta sui licenziamenti disciplinari per i dipendenti pubblici. Lo prevede lo schema di decreto legislativo che reca le modifiche al testo unico del pubblico impiego all’esame delle Commissioni Parlamentari di Camera e Senato.

Il provvedimento licenziato lo scorso mese dall’esecutivo in attuazione della Delega sulla Riforma della Pubblica Amministrazione inserisce all’articolo 55-quater del Dlgs 165/2001 ulteriori tre ipotesi alle sei già codificate dalla legislazione vigente che legittimano l’irrogazione della sanzione del licenziamento disciplinare al pubblico impiego....LEGGI

  

lentepubblica.it 28 marzo 2017
Sanità: Governo approva riforma nomina Direttori generali Asl

Lorenzin: da ottobre sarà operativo l'elenco unico nazionale



(Regioni.it 3129 - 24/03/2017) “Da ottobre sarà operativo l'elenco unico nazionale per i direttori generali”. Presentata in Consiglio dei ministri la riforma delle nomine dei Direttori generali nelle Asl da parte del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

Il Governo quindi approva un decreto legislativo sui dirigenti della sanità, ma “in via informale e verrà mandato in Conferenza Stato-Regioni”.

Lorenzin quindi spiega che questo provvedimento “concluderà il suo iter entro il mese di giugno, avendo noi già istituito la commissione di valutazione”.

"Apriamo l'elenco a manager di comprovata esperienza nel mondo sanitario, ma anche ad altri manager di altri settori”. Lorenzin pertanto aggiunge che "la permanenza nell'elenco dura per quattro anni, è un elenco aperto. C'è un sistema di aggiornamento e di valutazione del gruppo dei dirigenti che gestiscono 113 miliardi della spesa sanitaria in Italia”.

Lorenzin sottolinea che "ci sarà una valutazione dei direttori generali tenendo conto del raggiungimento degli obiettivi dati, con l'ottimizzazione dei servizi sanitari nel rispetto dei bilanci concordati"...LEGGI

  

regioni.it 27 marzo 2017

La sanità territoriale e le nuove forme organizzative. Quale ruolo per lo specialista ambulatoriale? Un convegno del Sumai. Lorenzin: “Riorganizzarla è una priorità"

“Il modello di cure primarie che proponiamo da tempo - ha detto il segretario Antonio Magi - le cui basi sono presenti nella nostra nuova convenzione firmata per la parte normativa nel luglio del 2015, va oltre la tradizionale funzione di filtro tra Ospedale e Territorio, ma guarda alla capacità di integrazione tra cure primarie e cure secondarie”...LEGGI

  

quotidianosanita.it 23 marzo 2017

Sanità, sul contratto collettivo il Tar dà ragione ai sindacati

I segretari di Fp Cgil e Cisl Fp: «L'Ufficio del commissario ha travalicato i compiti che la legge gli assegnava assumendo anche i poteri del consiglio regionale, considerato come un inutile orpello»...LEGGI

  

corrieredellacalabria 22 marzo 2017

Stili di vita e salute, per Bloomberg la dolce vita è in Italia

di Lucilla Vazza



Se volete vivere a lungo, l’Italia è il posto giusto. Parola di Bloomberg Health Index , che ci piazza al primo posto davanti ad altri 163 Paesi. Dimenticate il Nord Europa e gli atolli tropicali, il paradiso degli stili di vita è qui in Italia. E in barba a islandesi, giapponesi e svizzeri, il podio per la vita più sana lo prendiamo noi (per una volta)....LEGGI

  

sanita24.ilsole24ore.com 21 marzo 2017
I nuovi Lea sulla Gazzetta. Il testo, gli allegati e tutte le novità delle prestazioni offerte dal Ssn

Sbarcano finalmente in Gazzetta i nuovi Lea firmati da Gentiloni il 12 gennaio scorso. Moltissime le novità per una spesa aggiuntiva del Ssn finanziata con 800 milioni di euro vincolati. Il provvedimento interviene su quattro fronti: 1. definisce attività, servizi e prestazioni garantite ai cittadini dal Ssn; 2. descrive con maggiore dettaglio e precisione prestazioni e attvità oggi già incluse nei Lea; 3. ridefinisce e aggiorna gli elenchi delle malattie rare e delle malattie croniche e invalidanti che danno diritto all’esenzione; 4. innova i nomenclatori della specialistica ambulatoriale e dell’assistenza protesica. E Lorenzin istituisce una nuova task force per monitorarne l'applicazione. IL TESTO IN GAZZETTA......LEGGI

  

quotidianosanita.it 21 marzo 2017

Emilia Romagna. “Ecco come abbiamo risolto il problema delle liste d'attesa. Da noi prestazioni garantite entro i tempi stabiliti nel 98% dei casi”. Intervista all’assessore Sergio Venturi

Così l'assessore alle Politiche per la salute fa un primo bilancio del piano regionale indicato ieri dalla ministra Lorenzin, come "il modello migliore da seguire". E intanto la Regione vara il nuovo Piano per le lista d'attesa per i ricoveri con il quale "puntiamo a garantirli entro 30 giorni in almeno il 90% dei casi che si possono programmare". E sul Piano nazionale liste d'attesa fermo al 2012: "Potrebbe essere lo strumento adatto per promuovere modelli viruosi"...LEGGI

  

quotidianosanita.it 17 marzo 2017
E-health, l’Alto Adige investe 40 milioni per il triennio 2017-19


Sarà dell'azienda sanitaria dell'Alto Adige uno degli investimenti più cospicui degli ultimi anni, circa 40 milioni di euro, in Information Communication Technology. A distanza di oltre otto mesi dall'Intesa sul Patto per la sanità digitale (Repertorio Atti n. 123/CSR del 7 luglio 2016), nonché delle modifiche normative rispetto al Fse presenti nel testo dell'ultima Legge di stabilità (Comma 382), il prossimo 20 marzo si terrà presso l'ospedale di Bolzano un “open day” in cui tutte le aziende del settore avranno modo di conoscere in dettaglio i progetti ed i programmi relativi all'informatizzazione della sanità altoatesina per il prossimo triennio.LEGGI

  

sanita24.ilsole24ore.com 15 marzo 2017
Agenas: spesa sanitaria ticket e intramoenia 2012-2015

(Regioni.it 3121 - 14/03/2017) L’Agenas, L’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, ha di recente pubblicato uno studio sull’andamento della spesa sanitaria e in particolare sui conti economici inerenti a ticket ed intramoenia regione per regione.


Per quanto riguarda i ricavi delle prestazioni sanitarie erogate in regime di intramoenia, si evidenzia un calo percentuale del 9% nell’intero periodo 2012-2015. A livello regionale sono segnalati solo 5 casi in controtendenza rispetto all’andamento nazionale nel 2015 rispetto al 2012: “si tratta della Provincia autonoma di Bolzano (+57,3%), quella di Trento (+12,4%), della Regione Molise (+9,7%), Marche (+3,7%) e Umbria (+0,8%)”.

I dati interessano gli ultimi 4 anni (2012-2015) e sono stati esaminati diversi aspetti economici legati ai “Ticket” e quindi alla compartecipazione alla spesa per le prestazioni sanitarie.

Si rileva il calo economico nel corso degli anni, comportando una diminuzione percentuale del 9,4% nel 2012-2015...LEGGI

  

regioni.it 15 marzo 2017
Fornitura farmaci, Teva Italia contro Regione: “Predisposta una gara fittizia”

La casa farmaceutica ha impugnato un bando di gara della Regione Calabria che prevedeva la fornitura di medicinali per le aziende sanitarie e ospedaliere calabresi
di Luana Costa...LEGGI

  

lacnews24.it 12 marzo 2017
Mobilità sanitaria. Nel 2015 una spesa di oltre 4,100 miliardi per curarsi fuori regione. Ecco chi ci guadagna e chi ci rimette

Le Regioni hanno condiviso oggi la tabella dei saldi della mobilità sanitaria 2015 che andrà comunque a pesare sul riparto 2017. Come ormai da anni è “tradizione”, la migliore, quella che dalla mobilità incassa di più, è la Lombardia con un saldo positivo per quasi 598 milioni, seguita da Emilia Romagna (+346 milioni circa), Toscana (+146) e Veneto (poco meno di +113 milioni). La peggiore è la Campania, con un rosso di oltre 282 milioni, seguita in negativo dalla Calabria con oltre 276 milioni di buco e poi dal Lazio che supera i -240 milioni. IL DOCUMENTO....LEGGI

  

quotidianosanita.it 10 marzo 2017
Epatite C. Si cambia. Aifa vara 11 nuovi criteri di trattamento: “Cureremo tutti non solo i più gravi”. Parte il Piano di eradicazione totale

Elaborati nell’ambito del Piano di eradicazione dell’infezione da HCV in Italia, consentiranno di trattare tutti i pazienti per i quali è indicata e appropriata la terapia. I criteri saranno implementati nei Registri di Monitoraggio dell’Aifa, che tracceranno la gestione della terapia dei singoli pazienti da parte dei Centri prescrittori individuati dalle Regioni. Il Dg dell'Agenzia, Mario Melazzini ha già illustrato la nuova impostazione alle associazioni dei pazienti...LEGGI

  

quotidianosanita.it 08 marzo 2017
MODELLO 231 ED INFORTUNI SUL LAVORO: cosa accade alla società in caso di mancata adozione del modello organizzativo?

Laura Asti

22 feb 2017

Compliance (D.lgs.231/2001)- Lavoro- Diritto Penale


Trib. di Rimini, 24/11/2016, n.1877/16

La sentenza in commento offre un interessante spunto di riflessione in tema di 231 ed infortuni sul lavoro
.

Il D. Lgs. 231/01, come noto, prevede che l’adozione di un modello idoneo ed adeguato a prevenire la commissione dei reati presupposto della responsabilità dell’ente (quali sono le lesioni colpose gravi con violazione della normativa in tema di sicurezza sul lavoro occorse nel caso in esame) escluda l’insorgenza dell’illecito a carico della società. Adottare un modello efficace (seppur non obbligatorio) significa mettersi al riparo da sanzioni pecuniarie ed interdittive (e non solo) che possono avere effetti dirompenti sull’assetto aziendale....LEGGI

  

studiolegalestefanelli.it 08 marzo 2017
Lorenzin: “Commissariamenti delle Regioni così come sono stati immaginati negli ultimi dieci anni non funzionano più. Serve altro Titolo V”

“Credo che dovremmo ridare alle regioni la capacità decisionale completa, senza alibi, in modo che i cittadini sappiano da chi sono amministrati. Ma noi Stato a questo punto dovremmo intervenire commissariando totalmente le singole aziende. Vuol dire che il direttore generale, il direttore amministrativo, il direttore sanitario lo decidiamo noi”, così il ministro stasera a Presa Diretta....LEGGI

  

quotidianosanita.it 07 marzo 2017
Un logo per il Ssn: Cittadinanzattiva-Tdm lancia il bando #Yeslogo

Anche l’occhio vuole la sua parte. E perché non creare «dal basso» un logo per il Sistema sanitario nazionale? Un marchio costruito attraverso la partecipazione di cittadini, professionisti della salute e della creatività, per rafforzare la consapevolezza collettiva dell'importanza di questo bene comune e del ruolo che tutti possono avere per difenderlo e valorizzarlo. È l’iniziativa di Cittadinanzattiva-Tribunale per i Diritti del Malato, che insieme alle oltre 100 associazioni aderenti al Coordinamento nazionale delle Associazioni dei malati cronici lancia dopo mesi di preparazione #YeSLogo, un'iniziativa per donare un’immagine al Ssn...LEGGI

  

sanita24.ilsole24ore.com 03 marzo 2017

Ministero Salute. Andrea Urbani, subcommissario della Calabria, sarà il nuovo direttore generale della Programmazione sanitaria

Prenderà il posto di Renato Botti che aveva lasciato l'incarico al ministero nel novembre scorso. Urbani lascerà così l'incarico in Calabria dove era sub commissario dal 2013. Ma il M5S attacca: “Nuovo incarico incompatibile con ruolo svolto in Calabria, a prescindere dalle dimissioni. Perché si ritroverà ad adottare decisioni su atti e attività riferibili alla propria gestione commissariale e ad avere una posizione di potenziale influenza sulle verifiche riguardanti il Piano di rientro”. Presentata un’interrogazione a Lorenzin....LEGGI

  

quotidianosanita.it 02 marzo 2017
LETTERE. La ricetta dematerializzata: in Calabria un’occasione perduta

26 FEBBRAIO 2017, 10:43 CALABRIA SANITÀ


E ci siamo: anche la Calabria è partita con la ricetta dematerializzata, anche se di dematerializzato non c’è granché. La vera ricetta dematerializzata si fa in Trentino dove l’assistito chiama il suo medico, ordina le proprie medicine e poi va direttamente in farmacia a ritirare i farmaci, perché il suo medico ha digitato sul computer i farmaci e li ha inviati tramite internet a tutte le farmacie d’Italia.

Quindi, l’assistito in Trentino non deve andare dal suo medico a ritirare un bel niente ma va direttamente in farmacia con la tessera sanitaria a ritirare i farmaci...LEGGI

  

cn24tv.it 27 febbraio 2017
IL MESSAGGERO: La sanità in Italia

22 FEB. di Roberto Gervaso.


Ma questa sanità, che l'Europa, l'Australia e il Congo c'invidiano, è l'anticamera di quella ardente.

Leggi l'articolo

  
Roberto Gervaso
fimmgroma.org 22 febbraio 2017
Licenziamento disciplinare e società a partecipazione pubblica: nuovi decreti

L’intervento correttivo dà seguito e applicazione alla recente sentenza (n. 251 del 2016) con cui la Corte Costituzionale ha censurato il procedimento di attuazione previsto dall’articolo 18 della legge n. 124

Esame preliminare nel Consiglio dei ministri del 17 febbraio, poi sui testi si dovrà acquisire l'intesa della Conferenza Unificata


(Regioni.it 3104 - 17/02/2017) Il Consiglio dei ministri si è riunito venerdì 17 febbraio 2017, a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Paolo Gentiloni. Segretario la Sottosegretaria alla Presidenza Maria Elena Boschi. Su proposta della Ministra per la semplificazione e la pubblica amministrazione Maria Anna Madia, ha approvato, in esame preliminare, due decreti legislativi contenenti disposizioni integrative e correttive ai decreti di attuazione della riforma della Pubblica Amministrazione (legge 7 agosto 2015, n. 124) e al testo unico in materia di società a partecipazione pubblica (decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175)....LEGGI

  
regioni.it 20 febbraio 2017
Piano vaccini domani in Gazzetta. Lorenzin: “Vaccini gratis per tutti e senza ticket”. Ecco tutte le novità

Il nuovo Piano nazionale vaccini 2017/2019 conclude il suo lungo cammino con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 18 febbraio. Molte le novità. Si allarga l'offerta vaccinale, arrivano l'Anti Pneumococco e Zoster per gli anziani, l'anti Meningococco b, Rotavirus e Varicella per i più piccoli e l’anti Papillomavirus anche agli adolescenti maschi. Tra gli obiettivi quello di raggiungere lo stato morbillo-free e rosolia-free. Possibili sanzioni ai medici 'anti vaccini'.  IL PIANO NAZIONALE VACCINI 2017-2019...LEGGI

  
quotidianosanita.it 20 febbraio 2017
Farmaci: ministro Lorenzin quanti devono essere i morti prima di ritirare Actos?

Ho preso spunto per titolare questo mio post dal libro scritto dalla dottoressa Irène Frachon Mediator 150mg: combien de morts? da cui prende spunto il film uscito in Italia nei giorni scorsi dal titolo 150 milligrammi.

La storia di questo film, che ho visto, è sovrapponibile alla storia del Pioglitazone, il cui farmaco principe commerciale è Actos, di cui denuncio da molto tempo le complicanze...LEGGI

  
Domenico De Felice Medico, opinionista di sanità sociale
ilfattoquotidiano.it 18 febbraio 2017

Lazio. Elisoccorso Ares 118. Crescono del 64% i voli notturni

L’elisoccorso è operativo di notte in tutta la regione. Nel 2016 i voli sono stati complessivamente 2.139, i trasferimenti da ospedale a ospedale, i cosiddetti trasporti secondari, sono passati dai 382 del 2015 ai 525 dell’anno appena passato e ormai rappresentano il 25% del totale. Latina la base con più missioni

14 FEB - Gli elicotteri dell’Ares 118 nel Lazio viaggiano sempre più di notte. Nel corso del 2016 i voli notturni sono cresciuti del 64% rispetto al 2015 e questo grazie all’aumento in tutta la regione delle piazzole d’atterraggio abilitate ad operare anche dopo il tramonto. Gli effetti positivi del potenziamento di questa rete che ha toccato tutte le province a partire dagli ospedali dei capoluoghi, si è evidenziato in modo plateale con il terremoto del 24 agosto: 40 minuti dopo l’evento l’eliambulanza con medici e infermieri è atterrata, prima che facesse luce, sulla piazzola illuminata dell’ospedale semi distrutto dalla scosse telluriche. Così i soccorsi sono partiti a tempo di record e l’elicottero del 118 ha iniziato subito a trasportare i feriti più gravi negli ospedali romani...LEGGI

  
quotidianosanita.it 17 febbraio 2017
Farmaci: ministro Lorenzin quanti devono essere i morti prima di ritirare Actos?

Ho preso spunto per titolare questo mio post dal libro scritto dalla dottoressa Irène Frachon Mediator 150mg: combien de morts? da cui prende spunto il film uscito in Italia nei giorni scorsi dal titolo 150 milligrammi.

La storia di questo film, che ho visto, è sovrapponibile alla storia del Pioglitazone, il cui farmaco principe commerciale è Actos, di cui denuncio da molto tempo le complicanze...LEGGI

  
Domenico De Felice Medico, opinionista di sanità sociale
ilfattoquotidiano.it 18 febbraio 2017

CNR: Da un farmaco antipsicotico nuove speranze contro il tumore al pancreas

Comunicato stampa - Il carcinoma del dotto pancreatico è il più comune tumore che colpisce questa ghiandola. Le sue percentuali di guarigione sono minime, non solo a causa delle difficoltà di una diagnosi precoce, ma anche per l’assenza di un trattamento farmacologico specifico. Nuove speranze giungono da uno studio pubblicato su Scientific Reports dall’Istituto di nanotecnologia del Cnr, sede di Rende (Cs), in collaborazione con un team di ricercatori francesi e spagnoli. Una molecola utilizzata da tempo per curare gli stati d’ansia si è rivelata utile ad interferire nell’attività di una proteina a struttura disordinata, coinvolta nei processi di sviluppo del tumore al pancreas...LEGGI

  
lescienze.it 16 febbraio 2017

Piano antibarelle. La Regione Campania studia linee guida ad hoc

Si punta al potenziamento e alla riorganizzazione dei presidi territoriali Le linee guida dovrebbero diventare operative entro un paio di settimane, ma ad esse dovrà comunque sovrapporsi un piano anticrisi in ogni singolo ospedale. Intanto funziona il Piano anticrisi messo a punto dal manager Ciro Verdoliva....LEGGI

  
AGI.IT 15 febbraio 2017

Assenteismo: furbetti del 118, arrestati due medici nel Messinese

(AGI) - Messina, 13 feb. - Arrestati all'alba due medici del servizio 118 di Letojanni per assenteismo e false sottoscrizioni. I poliziotti del commissariato di Taormina hanno eseguito le misure cautelari in carcere emesse dal Gip del Tribunale di Messina Salvatore Mastroeni, su richiesta del sostituto procuratore Anna Maria Arena. "Con metodi sistematici e consolidati nel tempo", viene spiegato, si assentavano dal posto di lavoro, simulando la loro presenza per interi turni di servizio notturno di 12 ore, provvedendo a sottoscrivere l'apposito registro. In realta' durante i turni di servizio notturno, come accertato, erano a casa o in altri luoghi, ben lontani dalla sede di lavoro...LEGGI

  
AGI.IT 15 febbraio 2017

Nuovo Sistema informativo sanitario (Nsis), in Gazzetta il disciplinare tecnico

di Red.San.


È pubblicato in Gazzetta Ufficiale (clicca, ndr) ed entrerà in vigore il 23 febbraio, il disciplinare tecnico del ministero della Salute che descrive le caratteristiche del Nsis, il Nuovo sistema informativo sanitario. Focus sulle modalità di trattamento dei dati - dai farmaci al fascicolo sanitario elettronico, solo per citarne alcuni di rilievo - e sulle misure di sicurezza previste, con particolare riferimento alla gestione dei sistemi informativi su base individuale.

  
sanita24.ilsole24ore.com 09 febbraio 2017

Medici sanzionati per iper prescrizioni: sentenza Corte dei Conti

Redazione DottNet | 08/02/2017 11:52

L'ultimo episodio nel Napoletano. Il commento dello Smi
Il problema sta investendo diverse Asl italiane: l'ultima nel Napoletano dove nella ASL 3 Napoli Sud sono state recapitate diverse lettere "sanzionatorie" destinate ai medici con tanto di richiesta di rimborsi, "ammenda", per prescrizioni inappropriate secondo una interpretazione del cosiddetto Decreto Lorenzin. Episodi analoghi segnalati anche in Calabria e in Piemonte...LEGGI

  
DottNet 08 febbraio 2017

Dal governo

Il rinnovo dell’Istituto superiore di Sanità: nuovo look e R&S da 35 milioni


Il nuovo organigramma dell’Iss


L’Istituto superiore di Sanità, braccio scientifico del ministero della Salute, presenta il suo cambio-pelle e si rilancia in Italia e in Europa. Sei dipartimenti, sedici Centri nazionali, due Centri di riferimento e un Organismo Notificato compongono la nuova area tecnica-operativa dell'Istituto superiore di sanità, presentata a Roma nella sede storica dell’Iss di viale Regina Elena dal presidente Walter Ricciardi e dal Direttore generale Lino del Favero. Accanto alle attività tradizionali di studio e ricerca, controllo e sorveglianza in materie come neuroscienze, malattie infettive, sicurezza alimentare, oncologia, ambiente o malattie cardiovascolari sono stati creati un Centro di Valutazione delle tecnologie sanitarie, uno per quelle innovative in Sanità Pubblica, un Centro nazionale per l’eccellenza clinica, la qualità e la sicurezza delle cure, uno per la Telemedicina, in modo da fornire indicazioni per supportare le scelte di ciò che è realmente efficace evitando sprechi e dispersioni di energie umane e finanziarie. Grande attenzione alla prevenzione, con un centro interamente dedicato alla promozione della salute e un altro alle dipendenze patologiche...LEGGI

  
sanita24.ilsole24ore.com 08 febbraio 2017

Ricciardi: «La priorità del nuovo Iss? Mantenere vitale il Servizio sanitario nazionale. Per la metà dei precari soluzione nel Milleproroghe»

di Barbara Gobbi


Contribuire a sostenere e a promuovere, per rilanciarne il ruolo a livello nazionale, europeo e internazionale, un Servizio sanitario pubblico in affanno. Questa la mission indicata dal presidente dell’Istituto superiore di Sanità Walter Ricciardi, in questa intervista di presentazione del braccio tecnico-scientifico del ministero della Salute rinnovato. Un percorso partito da lontano, quando Ricciardi fu chiamato da commissario a mettere ordine nei conti e a svecchiare l’Iss...LEGGI

  
sanita24.ilsole24ore.com 08 febbraio 2017
Il Vaticano presenta la Nuova Carta degli Operatori Sanitari: “No all’aborto, no all’eutanasia, no all’accanimento terapeutico”

Il documento, che aggiorna la precedente edizione del 1995, è diviso in tre grandi sezioni: generare, vivere e morire. La Chiesa ribadisce la sua posizione di sempre sui grandi temi etici e sul biotestamento afferma che “la ragionevole volontà e gli interessi legittimi del paziente” vanno rispettati. Ma anche che “il medico non è comunque un mero esecutore” e ha “il diritto e il dovere di sottrarsi a volontà discordi dalla propria coscienza”.

07 FEB - Generare, vivere e morire. Le tre grandi fasi dell’esistenza nelle quali è suddivisa la Nuova Carta degli Operatori Sanitari presentata ieri in Vaticano durante la Conferenza stampa per la 25ª Giornata Mondiale del Malato che si svolgerà il prossimo 11 febbraio a Lourdes....LEGGI

  
quotidianosanita.it 07 febbraio 2017
Le dolenti note. La tossicità finanziaria del paziente oncologico

La terapia del cancro si sta arricchendo di un numero impressionante di nuovi farmaci. Ma la sostenibilità economica di tanta innovazione è molto complessa. Negli Stati Uniti, le difficoltà finanziarie sono considerate un vero e proprio effetto collaterale dei nuovi farmaci costosi. Jonas de Souza della University of Chicago al congresso dell’ASCO, la società statunitense di oncologia, aveva commentato: “Non ci stiamo davvero prendendo cura della sopravvivenza del paziente se non valutiamo l’angoscia crescente causata dai costi dei trattamenti”. Il problema della cosiddetta “tossicità finanziaria” dovrebbe essere oggetto di attenzione anche nel nostro paese come spiegano, dati alla mano, Francesco Perrone dell’IRCCS Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei tumori di Napoli, e Ciro Gallo del Dipartimento di Salute mentale e medicina preventiva della Seconda Università di Napoli...LEGGI

  
pensiero.it 07 febbraio 2017
Si celebra la Giornata mondiale contro il cancro: cresce l'indice di guaribilità generale

Nonostante la parola "tumore" faccia ancora paura, l'oncologia in Europa e in Italia ha fatto negli ultimi anni enormi passi da gigante


Si celebra la Giornata mondiale contro il cancro: cresce l'indice di guaribilità generale
„Sabato si celebra la Giornata Mondiale contro il Cancro: un’occasione per sensibilizzare le popolazioni riguardo l’importanza della prevenzione e per fare il punto della situazione della battaglia contro questa patologia. Nonostante la parola “tumore” faccia ancora paura, l’oncologia in Europa e in Italia ha fatto negli ultimi anni enormi passi da gigante, tanto che oramai sono sempre meno le neoplasie che possono essere identificate come “male incurabile”. Un dato su tutti è particolarmente eclatante: oggigiorno quasi il 40% dei casi potrebbe essere evitato seguendo semplicemente uno stile di vita sano, che comprenda un’alimentazione corretta, un’attività fisica regolare e soprattutto la limitazione, quando addirittura non la rinuncia, a vizi quali fumo e alcol.“...LEGGI

  
forlitoday.it 03 febbraio 2017
3 febbraio 201709:36
Epatite C, pensionato milanese vince battaglia legale: farmaci salvavita a basso costo dallʼIndia


Furono fermati alla dogana i medicinali acquistati online a un trentesimo della spesa in Italia e una volta sbloccati "per uso personale" iniziò lʼiter per il diritto alla salute contro Ministero e Aifa...LEGGI

  
tgcom24 03 febbraio 2017
Se il medico è donna il paziente guarisce prima


Lo dimostra la ricerca scientifica dell’Harvad Medical School di Boston. Cecilia Taranto, Responsabile della Sanità nella Segreteria Nazionale FP CGIL: «Sono le donne che partendo da loro stesse, sanno e praticano il valore delle differenze. Eppure ancora poche di loro raggiungono ruoli apicali…»...LEGGI

  
sanitainformazione.it 01 febbraio 2017
Sanità: le scadenze del Dpcm sui nuovi livelli essenziali di assistenza (Lea)

Elaborato dalla Segreteria della Conferenza delle Regioni , settore Salute e politiche sociali
(Regioni.it 3091 - 31/01/2017) La Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome (Settore Salute e Politiche Sociali) ha riepilogato le scadenze previste dal Dpcm sui nuovi livelli essenziali di assistenza...LEGGI

  
regioni.it 01 febbraio 2017
Pa, un piano Madia per i precari storici

Il governo ha allo studio una soluzione per superare il precariato all'interno della Pubblica amministrazione. Il problema verrebbe risolto tra il 2018 e il 2020. Con il Jobs Act erano stati sospesi 40mila posti precari...LEGGI

  
repubblica.it 31 gennaio 2017
Ddl Lorenzin: osteopati in pressing per il riconoscimento a professione sanitaria

Un italiano su tre conosce l’osteopatia e uno su cinque, vale a dire 10 milioni di italiani, si è rivolto ad un osteopata. Il 70% di chi va dall’osteopata lo fa per curare dolori muscolo scheletrici e il 90% si dichiara molto o abbastanza soddisfatto. E’ la fotografia scattata nell’indagine “Gli italiani e l’osteopatia d’Italia”, realizzata per il Registro degli osteopati (Roi) dall’Istituto di ricerca Eumetra Monterosa...LEGGI

  
sanita24.ilsole24ore.com 31 gennaio 2017
Farmaci poveri: l'altra via contro i tumori. Intervista al prof. De Censi direttore della S.C. Oncologia medica. ...LEGGI
  
galliera.it 28 gennaio 2017
Cancro. Dal Giappone arrivano le cellule killer. Potrebbero essere l’arma letale per combattere il cancro dall’interno colpendo le cellule tumorali

La vecchia chimera della ‘pallottola magica’ contro i tumori sembra prendere corpo in una nuova linea cellulare detta HOZOT, prodotta a partire dai linfociti T del sangue del cordone ombelicale e specializzata nella distruzione delle cellule tumorali. Le cellule killer si insinuano all’interno delle cellule tumorali (fenomeno cell-in-cell) e le distruggono da dentro. E per renderle ancora più mortali si possono ‘armare’ con delle terapie biologiche, quali virus oncolitici, che non lasciano scampo al tumore. Il lavoro dell'Università di Okayama è pubbliato su Scientific Reports...LEGGI

  
quotidianosanita.it 28 gennaio 2017
Piano vaccinazioni e Lea: confronto Regioni-Ministero

Saitta: condivisa l'esigenza di arrivare in tempi relativamente brevi ad una legge nazionale sulla obbligatorietà dei vaccini


(Regioni.it 3088 - 26/01/2017) Si è tenuto il 25 gennaio, presso la sede del ministero della salute, un incontro fra il ministro Beatrice Lorenzin e gli assessori delle Regioni e delle Province autonome per la verifica e l’avvio del nuovo Piano nazionale della prevenzione vaccinale 2017-19.
“Un incontro utile e importante che ha consentito di porre le basi per garantire un’applicazione omogenea del piano su tutto il territorio nazionale”, ha commentato Antonio Saitta, assessore della regione Piemonte e coordinatore della Commissione salute della Conferenza delle Regioni.

“Le nuove vaccinazioni contenute nel piano – ha spiegato Saitta - sono comprese nei nuovi livelli essenziali di assistenza (Lea) e conseguentemente, come è emerso nel colloquio con il ministro, si pone l’esigenza di una condivisione Stato-Regioni del percorso applicativo. Occorre un calendario vaccinale che stabilisca le priorità e la tempistica delle somministrazioni, in modo progressivo e graduale. Un obiettivo che va raggiunto nello stesso momento in cui si ripartiranno le risorse stanziate a riguardo, 100 milioni di euro, dalla legge di bilancio...LEGGI

  
regioni.it 27 gennaio 2017
Fondo non autosufficienza. Corte dei conti: “Troppe disparità nella spesa. Si passa dai 282 euro pro capite di Trento ai 26 della Calabria”

Dal 2007 al 2015 il fondo ha erogato ben 2,3 miliardi di euro ma i giudici contabili denunciano una “estrema eterogeneità e disomogeneità nella diffusione dei servizi sul territorio”. Più in generale, il Sud spende, in media, poco più di un terzo rispetto al Nord. Per la Corte: “risulta assolutamente necessario ed urgente che vengano rafforzati tutti quei presidi e meccanismi di governance che siano in grado di realizzare un processo di convergenza o, perlomeno, di riduzione dell’eterogeneità non solo nella spesa, ma anche nei modelli di intervento”...LEGGI

  
quotidianosanita.it 25 gennaio 2017
Registro osteopati: «Accelerare sul Ddl Lorenzin»

di Paola Sciomachen (presidente Registro degli Osteopati d'Italia)



C'è sempre più osteopatia nella salute degli italiani. È quanto emerge dall''Indagine demoscopica dell'istituto di ricerca Eumetra Monterosa, commissionata dal Roi – Registro degli Osteopati d'Italia, - che sarà presentata lunedì 30 gennaio a Milano...LEGGI

  
dottnet 25 gennaio 2017
Cgil, sanità vicina al tracollo. Anaao: medici anziani e stanchi

Redazione DottNet | 22/01/2017 20:40

Per il sindacato anche i Lea sono in pericolo. Troise: entro il 2021 andranno in pensione 19mila medici


Emorragia del personale, blocco del turn-over, rischio di tracollo dei servizi ai cittadini. E' questo l'allarme per la sanità contenuto in un report della Funzione Pubblica Cgil - realizzato sulla base dei dati forniti dalla ragioneria dello Stato (clicca qui per scaricare il documento completo) come anticipato sabato scorso da Dottnet - che disegna un "impoverimento" non solo nelle risorse economiche ma anche in quelle umane. E che necessita di nuove urgenti risorse anche per "assicurare il funzionamento dei nuovi Lea", i Livelli essenziali di assistenza a cui è agganciato anche l'ultimo Piano vaccini...LEGGI

  
dottnet 24 gennaio 2017
Scotti (Fimmg) boccia le Case della Salute: “Antieconomiche e non risolvono il caos del Pronto soccorso”. E su convenzione: “A Regioni chiediamo chiarezza su ruolo ma ribadiamo il no al medico di famiglia ‘sotto’ dipendente”

Intervista al segretario del sindacato dei medici di famiglia: “Il modello Case della Salute così com’è non sarà mai in grado di competere sull’emergenza con un Pronto soccorso di ospedale, così come il lavoro del medico di famiglia non può essere legato a dei codici colorati”. E sulla convenzione: “La concertazione ha mostrato dei limiti evidenti da superare. Alle Regioni stiamo cercando di far capire i problemi della categoria, a partire dall’urgente ricambio generazionale fino alla necessità di rivederne il ruolo. Ma non come ‘sotto’ dipendenti delle Asl ma come parte attiva del Ssn”...LEGGI

  
quotidianosanita.it 21 gennaio 2017
Sanità calabrese decimata e agonizzante

16 GEN - Gentile direttore,


l’apprezzabile e per certi versi dirompente difesa dei medici di Nola da parte del ministro Lorenzin, alle mie latitudini può suscitare qualche interrogativo e parafrasando Galileo verrebbe da dire: “Sventurata la sanità che ha bisogno di eroi”. Le regioni, specie quelle in piano di rientro, più che di medici eroi, hanno necessità di risorse umane e strutturali tali da garantire una sanità giusta e adeguata ai bisogni di salute dei cittadini. Ma questo non potrà avvenire in regioni come la Calabria, nonostante tutti i ragionierismi, perché continua a mancare tutto ciò che va costruito attorno al malato e al medico che lo deve curare. In altre parole, manca ancora un progetto e un’organizzazione dei servizi tale da garantire una sanità normale e in grado di contenere, se non proprio prevenire, le emergenze...LEGGI

  
quotidianosanita.it 17 gennaio 2017
Il premier Gentiloni ha firmato il Dpcm sui nuovi Lea. P. A.: malattie e permessi si cambia, arrivano nuove regole
Redazione DottNet | 14/01/2017 15:41
La lotta agli abusi entrerà nella riforma di febbraio. Ecco i contenuti
Nuove regole su malattia, congedi e permessi stanno per arrivare nella pubblica amministrazione. La riapertura della contrattazione segnerà infatti anche una svolta su queste materie. Che l'argomento venga affrontato lo prevede l'intesa del 30 novembre tra sindacati e governo, ma lì si accenna alla ripresa del confronto ad hoc, negoziato che era partito all'Aran nel 2014 ma senza poi giungere a un risultato. Non sarà però questa la strada, non ci sarà un tavolo specifico, ma secondo fonti ben informate il pacchetto malattia rientrerà direttamente nella trattativa 'madre' sui rinnovi contrattuali...LEGGI

  
Redazione DottNet 16 gennaio 2017
Il premier Gentiloni ha firmato il Dpcm sui nuovi Lea. L’annuncio di Lorenzin su twitter. Ecco cosa prevedono e quanto costano

"Un passaggio storico per la sanità italiana", così il ministro della Salute ieri sera su twitter. Il provvedimento interviene su quattro fronti: 1. definisce attività, servizi e prestazioni garantite ai cittadini dal Ssn; 2. descrive con maggiore dettaglio e precisione prestazioni e attvità oggi già incluse nei Lea; 3. ridefinisce e aggiorna gli elenchi delle malattie rare e delle malattie croniche e invalidanti che danno diritto all’esenzione; 4. innova i nomenclatori della specialistica ambulatoriale e dell’assistenza protesica....LEGGI

  
quotidianosanita.it 14 gennaio 2017
Mancano letti e barelle: malati curati a terra a Nola, Lorenzin invia i Nas I carabinieri del Nas dalle 10 di questa mattina sono nel nosocomio "Santa Maria della Pietà".

Il caso sollevato da una foto dell'Ospedale CondividiTweet Manovra, la Commissione Bilancio approva l'emendamento "De Luca" sui commissari alla sanità Referendum. Il discorso di De Luca ai sindaci Pd: Procura indaga per istigazione al voto di scambio De Luca: voto scambio, blitz GdF in Regione Campania 09 gennaio 2017 "Ho sentito il ministro sul caso del Santa Maria della Pietà, mi ha assicurato che manderà gli ispettori. E' una situazione intollerabile e scandalosa. Chiedo al presidente De Luca di prendere provvedimenti seri anche perché in Campania ci sono tante strutture di eccellenza, così come tantissimi medici straordinari. E' ingiusto che tutte queste nostre eccellenze poi vengono confuse con queste situazioni al limite del paradossale". Così il sottosegretario alla Difesa e coordinatore regionale del Nuovo Centrodestra in Campania, Gioacchino Alfano, a proposito della scandalosa condizione in cui versa l'ospedale Santa Maria della Pietà a Nola, denunciata ieri dal deputato di Forza Italia Paolo Russo, che, in una nota diffusa in serata, ha annunciato un'interrogazione parlamentare.....LEGGI

  
rainews.it 09 gennaio 2017
Odontoiatria. Per il Ministero dello Sviluppo economico “solo società di professionisti possono aprire strutture odontoiatriche”

Per praticare prestazioni odontoiatriche sui pazienti non può bastare una semplice Srl, ma serve una Società tra professionisti iscritta all’Ordine. Così nella nota dello scorso 23 dicembre il Mise ha confermato le posizioni espresse dall'Associazione italiana odontoiatri (Aio) e dalla Commissione Albo Odontoiatri (Cao). Le società diverse da quella tra professionisti, possono al massimo svolgere attività di supporto. LA NOTA ....LEGGI

  
quotidianosanita.it 09 gennaio 2017
Buona sanità in Calabria

05 GEN - Gentile Direttore,
le scrivo questa nota di buona sanità a favore del Dottore Giuseppe Vena, ortopedico di Cosenza (Calabria). Lo scorso 6 agosto, avendo subito un incidente sulla spiaggia di Messinette (Fuscaldo-Cs), sono stata condotta con urgenza al pronto soccorso dell'Ospedale "S . Francesco" di Paola (Cs) per frattura scomposta pluriframmentata-metaepifisi distale di radio dx.

Dopo i primi soccorsi e adempimenti previsti e da protocollo, il dottore Vena Giuseppe mi ha seguita con tanta professionalità e tanto senso di umanità, umiltà, pazienza, serenità, comprensione, cordialità, serietà, tanta saggezza e riservatezza....LEGGI

NOTA: Ci complimentiamo con il dott. G. Vena, ortopedia Osp. di Paola(Cs). Ci riteniamo fortunati ad averlo in Calabria.  ETICA E SALUTE

   Dott. Giuseppe Vena
quotidianosanita.it 06 gennaio 2017
BUON ANNO DA ETICA E SALUTE 06 gennaio 2017
Una Bellissima preghiera per il nuovo anno scritta da un contadino sudamericano Arley Tuberqui (prima pubblicazione on line 2010)

Signore,
alla fine di questo anno voglio ringraziarti
per tutto quello che ho ricevuto da te,
grazie per la vita e l’amore,
per i fiori, l’aria e il sole,
per l’allegria e il dolore,
per quello che è stato possibile
e per quello che non ha potuto esserlo.


Ti regalo quanto ho fatto quest’anno:
il lavoro che ho potuto compiere,
le cose che sono passate per le mie mani
e quello che con queste ho potuto costruire.


Ti offro le persone che ho sempre amato,
le nuove amicizie, quelli a me più vicini,
quelli che sono più lontani,
quelli che se ne sono andati,
quelli che mi hanno chiesto una mano
e quelli che ho potuto aiutare,
quelli con cui ho condiviso la vita,
il lavoro, il dolore e l’allegria.


Oggi, Signore, voglio anche chiedere perdono
per il tempo sprecato, per i soldi spesi male,
per le parole inutili e per l’amore disprezzato,
perdono per le opere vuote,
per il lavoro mal fatto,
per il vivere senza entusiasmo
e per la preghiera sempre rimandata,
per tutte le mie dimenticanze e i miei silenzi,
semplicemente… ti chiedo perdono.
@
Signore Dio, Signore del tempo e dell’eternità,
tuo è l’oggi e il domani, il passato e il futuro, e, all’inizio di un nuovo anno,
io fermo la mia vita davanti al calendario
ancora da inaugurare
e ti offro quei giorni che solo tu sai se arriverò a vivere.


Oggi ti chiedo per me e per i miei la pace e l’allegria,
la forza e la prudenza,
la carità e la saggezza.


Voglio vivere ogni giorno con ottimismo e bontà,
chiudi le mie orecchie a ogni falsità,
le mie labbra alle parole bugiarde ed egoiste
o in grado di ferire,
apri invece il mio essere a tutto quello che è buono,
così che il mio spirito si riempia solo di benedizioni
e le sparga a ogni mio passo.


Riempimi di bontà e allegria
perché quelli che convivono con me
trovino nella mia vita un po’ di te.


Signore, dammi un anno felice
e insegnami e diffondere felicità.


Nel nome di Gesù, amen.


(Arley Tuberqui)
Una Bellissima preghiera per il nuovo anno scritta da un contadino sudamericano (2010)
06 gennaio 2016
Liste d’attesa. Il Piemonte recluterà medici neo specializzati per abbatterle

La Giunta presenta gli obiettivi per il 2017. Il progetto sperimentale, “unico in Italia”, rientra in un Piano straordinario contro le liste d’attesa che sarà approvato a breve e prenderà il via insieme al nuovo Cup Unico, valido per tutto il Piemonte e per tutte le strutture pubbliche e convenzionate. Da Saitta appello ai sindaci per lavorare e “potenziare, nelle zone meno centrali, la figura degli infermieri di comunità, le forme di collaborazione tra medici di famiglia e la rete delle farmacie al servizio del territorio”...LEGGI


Nota F.L. forse l'iniziativa fallirà, in base a quanto pagheranno gli specializzati. Una cosa è, però, certa: IN PIEMONTE NON DORMONO. INTANTO L'OMCeO DI TORINO LE STUDIA TUTTE PER OSTACOLARE L'INIZIATIVA. PERCHE? LEGGI
quotidianosanita.it 06 gennaio 2017
Sanità in crisi: 18 mesi per ricostruzione mammaria, 9 per una visita oncologica. Il report Pit-Tdm

da www.ilsole24ore.com


Aspettare fino a due anni per rimuovere una protesi o curare l'alluce valgo, 18 mesi per la ricostruzione mammaria e 15 per ottenere la mammografia,, fino a 10 mesi per la Tac e un anno per la risonanza magnetica. E nove mesi, il tempo che nasce un bimbo, per una visita oncologica o oculistica o odontoiatrica. Tutto questo mentre gli italiani hanno netta la percezione dei costi che crescono, dei ticket che esplodono, dell'assistenza a domicilio che diventa una rarità, del ricovero sempre più complicato, dei pronto soccorso invivibile, del degrado delle strutture. E l'uso dei ricoveri in intramoenia senza controlli o quasi con pazienti costretti a pagare o “girati” al privati. Ma anche il rapporto non esattamente semplice con i medici di famiglia e i pediatri. Tu chiamala se vuoi sanità solidale e universalistica. Perché l'accesso al Servizio sanitario nazionale sta diventando sempre più un lusso, sempre più un girone infernale. Non dappertutto, è chiaro. Ma dal Lazio in giù, pur con lodevoli eccezioni, la sanità pubblica diventa non raramente una polveriera. A tracciare un identikit del Ssn non esattamente tranquillizzante è il XIX Rapporto “Pit Salute” di Cittadinanzattiva-Tribunale dei diritti del malato, presentato questa mattina a Roma.

Si stanno abituando i cittadini a considerare il privato e l'intramoenia come prima scelta...LEGGI
sanita24.ilsole24ore.com 04 gennaio 2017
Epatite C: c’è chi va in Egitto o India per acquistare il farmaco


By Andrea Niceforo -
13 dicembre 2016



Stando ai dati diffusi dall’Epac, l’associazione dei malati di epatite C, molti pazienti a causa del costo esorbitante delle terapie per l’eradicazione del virus decidono di recarsi all’estero, in particolare in India o in Egitto, per curarsi con i nuovi farmaci. Il costo base è di 2000 euro a cui vanno aggiunte ovviamente le spese del viaggio. D’altronde attulamente il costo della terapia (AL PUBBLICO, NDR) ammonta complessivamente a 40mila euro ed i fondi non sono disponibili per tutti. Inoltre circa 2-3mila pazienti a cui è stata fatta la diagnosi di epatite C intendono beneficiare dei nuovi trattamenti disponibili per non rischiare un peggioramento delle condizioni di salute. Inoltre sarebbero molto diffusi gli acquisti online del farmaco anti-epatite C, ma in tal caso gli utenti vanno incontro al pericolo contraffazione....LEGGI

F.L.: IL COSTO TOTALE PER IL SSN AI PREZZI DI INDIA O EGITTO SAREBBE STATO, PER I 65.000 PAZIENTI TRATTATI FINO AD ORA IN ITALIA,  65.000 X 2000 = 130.000.000 MILIONI(PREZZO AL PUBBLICO IN EGITTO E INDIA), SE LO SFONDAMENTO DELLE VENDITE DETERMINA UNA RESTITUZIONE ALLE REGIONI (NOTE DI CREDITO) DI 370.000.000 MILIONI, QUANTO STIAMO PAGANDO IN ITALIA ?
SE QUALCUNO DEI LETTORI SI CHIAMA "PANTALONE" SI FACCIA AVANTI.
news24web.it 04 gennaio 2017
Epatite C: in arrivo note di credito Gilead e Abbvie per oltre 370 mln

di Emiliano Calabrese

- Le note di credito Gilead

- Le note di credito Abbvie

- Aggiornamento dati Registri Aifa Epatite C cronica



È di oltre 370 milioni di euro il valore complessivo delle note di credito che le aziende Gilead (Sovaldi e Harvoni) e Abbvie (Viekirax e Exviera) dovranno emettere a favore delle strutture sanitarie che non hanno saldato nei tempi previsti le fatture circa i trattamenti con i nuovi farmaci ad azione antivirale diretta di seconda generazione (DAAs). Lo ha stabilito l'Aifa con le Determinazioni 1.631 e 1.633 del 27 dicembre scorso ).
La parte decisamente più consistente (354,54 milioni di euro), considerato il raggiungimento del quinto scaglione del meccanismo prezzo/volume, spetta alla ditta Gilead che dovrà inviare entro il 27 gennaio prossimo le relative note di credito. La sola regione Lombardia avrà in dote oltre 70 milioni di euro, segue la Campania (50 milioni), la Puglia (39,5 milioni) e il Lazio (30,5 milioni)...LEGGI
sanita24.ilsole24ore.com 04 gennaio 2017
Altre notizie 2016 Altre notizie 2015 Altre notizie 2014 Altre notizie 2013
Nota: gli articoli dei nostri autori sono riproducibili citando la fonte. Il sito riporta anche una rassegna di notizie, tramite soli link e poche righe, che si ritengono conformi ai fini culturali ed etici dell'Associazione. Qualora non desideriate che vengano riportati i collegamenti alle vostre notizie vi preghiamo cortesemente di segnalarcelo. Provvederemo immediatamente a toglierli.