INSIEME PER UN FUTURO MIGLIORE
"Il nostro senso di sicurezza nasce dalla certezza di non essere soli"
Promettiamo...
di allargare gli orizzonti della conoscenza e del sapere che generano la salute vera della persona e dello spirito, come bene e valore sociale di pubblica utilità.
Ci impegniamo...
ad esservi sempre a fianco con le nostre opere ed i nostri pensieri, affinchè si realizzi, anche nell'ambito della tutela della salute, il senso dell'etica dello stare insieme.
Per la famiglia...
per proporci come luogo di incontro e di aggregazione nel nome di interessi culturali comuni, assolvendo alla funzione sociale di crescita umana, civile e professionale.

INIZIATIVE dei Soci di Etica e Salute
Ultimo aggiornamento 03 gen 2019 12.15.54
L’aiuola va a scuola e’ un progetto ideato dalla scrivente e portato avanti con il prezioso aiuto della Dott. Fiorella Falcone entrambe facenti parte della Unita’ operativa di Igiene degli alimenti e Nutrizione del Distretto Sanitario Valle Crati ASP Cosenza.

L’aiuola va a scuola e’ un orto da coltivare a scuola.I bambini piantano, innaffiano, raccolgono ed alla fine consumano a scuola cio’ che hanno prodotto.

E’ stato presentato lo scorso anno agli alunni delle scuole elementari e materne, due pubbliche quelle di Montalto Scalo (Cs) e Castrolibero (Cs), ed una Scuola paritaria di Taverna di Montalto (Cs).

La scuola paritaria Snaily di Taverna di Montalto ha presentato il progetto Nutrilandia & L’aiuola va a scuola, al concorso Expo’ Vivaio Scuole d’Italia , risultando tra i vincitori nel girone Eccellenze Scuole d’Italia. Siamo stati quindi convocati giorno 18 giugno al padiglione Italia per la presentazione del progetto.

L’orto a scuola serve a favorire fin dalle prime fasi della loro formazione, una conoscenza significativa dell’ambiente , della buona alimentazione, del cibo sano veicolato dall’azione e dal coinvolgimento diretto e condiviso .

Gli obiettivi del progetto sono molteplici, si va dalla valorizzazione dell’agricoltura biologica, alla filiera corta, agli alimenti a km zero, alla sostenibilita’ ambientale, all’educazione alimentare , alla lotta all’obesita’ infantile , alla socializzazione ed alla riscoperta del rapporto uomo-natura..

Gli obiettivi sono collegati indissolubilmente tra di loro e si riconducono tutti ad una sensibilizzazione verso la “cultura della salute ad ampio raggio”.Con una semplice area di circa 6 mq ,con semi , piantine,terriccio, attrezzi per potare, ogni bambino puo’ diventare un piccolo agricoltore.

In collaborazione con la Cia che ha offerto le piantine, i bambini aiutati dai piu’ grandi hanno piantato , pomodori, meloni , zucchine ossia frutta e verdura di stagione. La curiosita’, lo stare all’aria aperta, la manualita’, le nozioni di educazione alimentare apprese , hanno stimolato i bambini ,che divertendosi, hanno imparato.

L’orto a scuola è anche un modo per rileggere la storia, lo spunto per scoprire il proprio territorio, può diventare un modo per conoscere le tradizioni, le colture tipiche e la cultura popolare.

La strada intrapresa e’ impegnativa ,ma ricca di soddisfazioni e di conoscenze anche per noi operatori . Questo percorso ludico-didattico da implementare e distribuire nelle varie realta’scolastiche italiane, forse e’ la principale strada da seguire , poiche’ come diceva Russeau il gioco è la piu’ seria attivita’ dell’infanzia.

Le cifre allarmanti di bambini in sovrappeso e/o obesi tra gli 8 e i 9 anni in tutta Italia ed in particolar modo nelle Regioni meridionali inducono ad una seria ed urgente riflessione .

L’orto a scuola potrebbe essere veramente uno strumento importante di crescita , di formazione pedagogica, di educazione alimentare, di educazione ambientale e quindi di educazione alla vita.

Dobbiamo lavorare tutti insieme perche’ mai come oggi si avverte la necessita’ di un nuovo modo di alimentarsi e di mangiare coerente con le istanze della tradizionalita’, della salute e dell’equilibrio tra uomo ed ambiente.

Un cibo economico per riterritorializzare le derrate e le filiere corte, ecologico e culturale per tutelare la salute e l’ambiente e per certi versi innovativo, per salvaguardare il proprio se identitario dai processi di omologazione al gusto.

Cominciamo dalla scuola , investiamo nei bambini, piantiamo in loro il seme della curiosita’, istituzionalizziamo l’orto a scuola inserendolo nelle politiche dell’infanzia.

Una societa’ moderna ed evoluta che vede nei suoi figli il suo bene piu’ prezioso , deve investire in salute a lungo termine, partendo proprio dalla terra, piantando i germogli per poi far nascere l’albero della vita.

Dott. Rosanna Labonia

Responsabile Unita’Operativa Igiene degli Alimenti e Nutrizione ASP CS

Socio Fondatore Associazione Etica e Salute

Rosanna Labonia

26 luglio 2015
 
Presentazione del Progetto "L'aiuola va a scuola" il 18.06.2015 all'Expo' di Milano -Padiglione CALABRIA
L'On. Mauro D'acri, l'assessore Pubblica Istruzione al Comune di Montalto Emilio D'Acri
Presentazione del Progetto "L'aiuola va a scuola" di Rosanna Labonia
Un momento dell'evento e la consegna di una targa ricordo
Da sinistra la Dott.Fiorella Falcone,Rosanna Labonia, la Dirigente Scuola Erminia Scalercio e la Dott. Daniela Galeazzo funzionario della Pubblica istruzione, Ministro Giannini, Roma.
 
 
I 5 consigli di Rosanna e altri suggerimenti per la tutela della salute.

La dottoressa Rosanna Labonia ci insegna, a vantaggio della salute, che i pasti distribuiti nella giornata devono essere 5: prima colazione, merenda mattutina, pranzo, spuntinoe cena.Cominciando dalmattino, la prima colazione è indispensabile perché deve ricaricare l’organismo dopo il digiuno notturno e saltarla peggiora la qualità della dieta giornaliera. Meglio abituarsi a consumare cereali, miele, yoghurt e frutta...leggi

Rosanna Labonia

Rosanna Labonia, socia fondatrice di Etica e Salute

ilquotidianoweb. it
14  gennaio 2014
Quale “Impegno sociale, civile ed etico nella società della complessità?”
di Domenico  TORCHIA


Nella società post-moderna, complessa, globale, che sembra allontanarsi dalla tradizionale idea occidentale di “impegno sociale e civile”, sul quale molti di noi siamo stati educati e formati, impostato sulla centralità della persona, insommabile ed indivisibile, luogo privilegiato di diritti inalienabili, presieduta da “fondamenti etico/ontologici” che precedono quelli storici ed empirici, si sta diffondendo un’ idea alternativa della gestione del “servizio sociale”, inteso come “un insieme di soggettivismi” concorrenti tra di loro, giuridicamente corretto, eticamente da biasimare, forse efficiente e produttivo, per il singolo soggetto, certamente in palese distonia rispetto al “fine primario” della funzione e dello scopo dell’ ”Impegno sociale” quale “servizio alla persona”, quale ricerca del “bene solidale comune”, oserei dire del “vero sociale e civile”, perseguito con equilibrio, senso della misura, sobrietà, in ogni azione individuale e nella “vita sociale e di relazione” ...leggi

Accetta l'apertura del file in PDF o Apri il file il Word

Domenico Torchia, socio fondatore di Etica e Salute

Domenico  TORCHIA
08  gennaio 2014

SIDERNO (Rc), VENERDI IN MUNICIPIO SI FIRMA LA CONVENZIONE PER LA CASA DELLA SALUTE ....leggi

Rassegna Stampa Regione Calabria, ecco l'articolo originale....
leggi

Michele Vumbaca
Socio Fondatore di Etica e Salute

Etica e Salute - Tratto dalla Gazzetta del Sud
22 ottobre 2013

Esclusiva: ecco, in anteprima, il comunicato ufficiale della Regione Calabria con il quale si annuncia la firma della convenzione per la realizzazione della Casa della Salute di Chiaravalle e della Casa della Salute di Siderno, nell'ambito del Progetto "Rete Regionale Case della Salute" di cui è Responsabile il Dr. Salvatore Lopresti.

Riferimenti:
Le Case della Salute sul sito della Regione Calabria.

Giovedì 24 alle ore 16,00 il Responsabile del Progetto “Rete Regionale Case della Salute” Dr. Salvatore Lopresti ed il Direttore Generale dell’ASP di Catanzaro, Dr. Gerardo Mancuso, firmeranno presso i locali del Comune la Convenzione per la realizzazione della Casa della Salute di Chiaravalle. (ci sarà il Presidente Scopelliti).

Venerdì 25 alle ore 10,00 il Responsabile del Progetto “Rete Regionale Case della Salute” Dr. Salvatore Lopresti ed il Direttore Generale dell’ASP di Reggio Calabria, Dr.ssa Rosanna Squillacioti, firmeranno la Convenzione per la realizzazione della Casa della Salute di Siderno. (ci sarà il Presidente Scopelliti).


Salvatore Lopresti
Socio Fondatore di Etica e Salute

Etica e Salute
21 ottobre 2013

Lettera che Antonio Carrozza, socio fondatore dell’Associazione Nazionale “Etica e salute”, ha inviato al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e alla Direzione Generale della Programmazione Sanitaria del Ministero della Salute per evidenziare l’insufficiente numero dei posti letto per anziani non autosufficienti e per disabili...leggi

Antonio Carrozza
Socio Fondatore di Etica e Salute

Antonio Carrozza
18 ottobre 2013

XVII Congresso Regionale FIMP Calabria
Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Calabria
Presente e futuro prossimo 12 – 13 Ottobre - Tropea, VV

Che cos’è il Fascicolo Sanitario Elettronico?

Definizione DPGR n. 139 del 19/7/2012

Recepimento delle Linee Guida Nazionali sul Fascicolo Sanitario Elettronico approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 17 febbraio 2011:
«L'insieme dei dati e documenti digitali di tipo sanitario e socio-sanitario generati da eventi clinici presenti e trascorsi, riguardanti l'assistito. Il Fascicolo Sanitario Elettronico, che ha un orizzonte temporale che copre l'intera vita del paziente, è alimentato in maniera continuativa dai soggetti che prendono in cura l'assistito nell'ambito del Servizio sanitario nazionale e dei servizi socio-sanitari regionali.»..
.leggi
Salvatore Lopresti
Salvatore Lopresti
Socio Fondatore di Etica e Salute

Salvatore Lopresti
16 ottobre 2013

Riflessioni ed analisi sintetica sull’assistenza specialistica ambulatoriale.

Accertamenti superflui, analisi ripetute senza necessità, consumismo sanitario compulsivo. Questa una delle cause della crisi del nostro sistema sanitario che, proprio a causa degli sprechi e del disordine sovrano che cerca di risparmiare sulle spese utili, invece che su quelle inutili, non riesce più a essere sostenibile. Mentre sempre più persone hanno la percezione di non ricevere servizi efficienti e adeguati alle loro necessità. Eppure il nostro è un ottimo sistema sanitario che inghiotte però una enorme ricchezza senza spesso garantire ciò che veramente serve. Un sistema che va riorganizzato in fretta, con una gestione competente che sappia finalmente utilizzare risorse economiche e professionali in modo agile ed equo...
.leggi

Arturo Pegorari
11 ottobre 2013

Cosa sono le prestazioni specialistiche ambulatoriali?

La finalità di questa nota esplicativa è quello di fare, al meglio possibile, una chiara distinzione tra le prestazioni specialistiche rese nei differenti livelli di assistenza e dunque “allocabili” in differenti ed appropriate “sedi”. Per poter perseguire tale obiettivo mi è parso fondamentale ricondurmi ai relativi “Mattoni” (in particolare il Mattoni 2) che, in prevalenza, riporto fedelmente in quanto costituiscono il più autorevole strumento di riferimento e di riflessione.

Oltre a questi è essenziale tener ben presente il
contenuto del DPCM 29/11/2001 “Definizione dei livelli essenziali di assistenza”...leggi

Arturo Pegorari
Socio Fondatore di Etica e Salute

Arturo Pegorari
09 ottobre 2013

Mensa, il piacere di mangiare in compagnia - I consigli “firmati”

Se è vero che chi ben comincia è a metà dell’opera, noi proviamo a fare del nostro meglio riprendendo insieme ai nostri ragazzi il tempo dello studio che sostituisce quello delle vacanze. Archiviate le belle parole e l’entusiasmo d’inizio, si comincia davvero, tutti di nuovo a scuola, qualcuno con l’empatia dei ricordi, qualche altro con emozione e timori per figli, nipoti o, anche, per i bimbi dei vicini dicasa...
leggi
Rosanna Labonia, socia fondatrice di Etica e Salute

Quotidiano della Calabria
27 settembre 2013